Isola di St. Michael (Alaska)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Saint Michael
Geografia fisica
Localizzazione Mare di Bering
Coordinate 63°28′30″N 162°09′42″W / 63.475°N 162.161667°W63.475; -162.161667Coordinate: 63°28′30″N 162°09′42″W / 63.475°N 162.161667°W63.475; -162.161667
Dimensioni 15 × 10 km
Geografia politica
Stato Stati Uniti Stati Uniti
Stato federato Alaska Alaska
Cartografia
Norton Sound.png
Mappa di localizzazione: Alaska
Saint Michael
Saint Michael

[senza fonte]

voci di isole degli Stati Uniti d'America presenti su Wikipedia

L'isola di Saint Michael (isola di San Michele) si trova nella parte sud-est della baia di Norton Sound in Alaska (USA), nel mare di Bering. È separata dalla terraferma solamente da un canale; l'isola è lunga circa 15 km e larga 10 km. Sull'isola vi sono due centri abitati: St. Michael sul lato est dell'isola e Stebbins sul lato nord-ovest.

St. Michael, assieme all'isola Stuart, è parte del campo vulcanico omonimo che si estende poi nell'entroterra e copre più di 3.000 km², comprendendo più di 55 coni vulcanici. L'isola si trova nella parte nord-occidentale del campo suddetto e si compone di sette coni vulcanici[1].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'isola di San Michele è stata così chiamata durante l'esplorazione del 1833. La spedizione era guidata da Michail Teben'kov e Adol'f Etolin e furono impiantati dei capannoni che i commercianti di pellicce della Compagnia russo-americana usavano durante l'inverno. La stazione commerciale si trovava nel sito dove si trova ora l'insediamento di St. Michael[2][3].

Note[modifica | modifica wikitesto]