Isola di Putjatin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Isola di Putjatin
(RU) Остров Путятина
Остров Путятина 2.jpg
Geografia fisica
LocalizzazioneMar del Giappone
Coordinate42°51′20″N 132°25′29″E / 42.855556°N 132.424722°E42.855556; 132.424722
Superficie27,9 km²
Dimensioni24 km
Altitudine massima353 m s.l.m.
Geografia politica
StatoRussia Russia
Circondario federaleEstremo Oriente
KrajTerritorio del Litorale
RajonŠkotovskij rajon
Centro principalePutjatin
Demografia
Abitanti994 (2010)
Cartografia
Mappa di localizzazione: Circondario federale dell'Estremo Oriente
Isola di Putjatin
Isola di Putjatin

[1]

voci di isole della Russia presenti su Wikipedia

L'isola di Putjatin (in russo: Остров Путятина?) è un'isola russa nella parte settentrionale del golfo di Pietro il Grande, nel mar del Giappone, nell'Estremo Oriente russo. L'isola è situata 50 km a sud-est di Vladivostok e 35 km a ovest di Nachodka. Appartiene amministrativamente alla città di Fokino (Škotovskij rajon, Territorio del Litorale). Secondo il censimento del 2010 vivevano sull'isola 994 persone concentrate nell'unico villaggio omonimo[1]. È una delle sole 4 isole abitate del Territorio del Litorale (le altre 3 sono: l'isola Russkij, l'isola di Popov e l'isola di Rejneke).

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

L'isola di Putjatin è situata nel golfo di Strelok (залив Стрелок); la sua distanza minima tra l'isola (capo Startceva) e la terraferma è di circa 1,5 km. L'isola ha una forma molto irregolare ed ha una lunghezza di circa 24 km. La superficie totale è di 27,9 km². La vetta più alta, il monte Startceva, sull'omonima punta settentrionale, ha un'altezza di 353 m e le coste sono ripide. La costa orientale è fatta di granito con uno strato di quarzo, la costa sud-orientale è composta di granito rossastro e ricoperta di erba e cespugli, mentre la parte settentrionale dell'isola è ricoperta da foreste[2]. L'isola è pianeggiante al centro e a sud; ha molte insenature, la più ampia delle quali è la Nazimova (a nord-ovest). Vicino all'estrema punta meridionale, capo Šulepnikov, c'è l'isolotto Ireckogo e il faraglione Pjat'Pal'cev ("cinque dita"), a sud-ovest gli scogli Unkovskij (Камни Унковского) e l'isola Askold[2].

Nella parte centro-occidentale dell'isola c'è il lago Gusinoe (Озеро Гусиное; "lago dell'oca") famoso per i suoi particolari fior di loto asiatici (i Nelumbo komarovii)[2][3], inseriti nella lista rossa IUCN.

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Il clima dell'isola è quello tipico del Territorio del Litorale meridionale. La temperatura media di gennaio è di -12 °C, in agosto di 21 °C. La temperatura dell'acqua del mare da metà luglio a metà settembre è di 20 °C.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'isola è stata descritta e mappata nel 1858 dall'equipaggio del clipper Strelok e ha preso il nome dell'ammiraglio e diplomatico russo Evfimij Vasil'evič Putjatin[4].

Nel 1891, si stabilì sull'isola un mercante russo, A. Dmitrovič Starcev[5], figlio del decabrista Nikolaj Aleksandrovič Bestužev[6] che impiantò un'azienda agricola con piantagioni di tabacco, gelsi, frutteti, vigneti, e scuderie di cavalli[2]. Negli anni 1893-1896 venne aperta una fabbrica di mattoni e una di porcellane[2]. Dopo la rivoluzione, tutta la proprietà è stata nazionalizzata, sull'isola è stato avviato l'allevamento di animali da pelliccia. Nell'autunno del 1989, è stato eretto sull'isola un monumento a Starcev[2]. Nel 1929, è stata aperta un'industria di trasformazione ittica che opera tuttora.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]