Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Isola Jarok

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Isola Jarok
Остров Ярок
Yana bay1.png
Geografia fisica
Localizzazione Mare di Laptev
Coordinate 71°31′00″N 137°30′00″E / 71.516667°N 137.5°E71.516667; 137.5Coordinate: 71°31′00″N 137°30′00″E / 71.516667°N 137.5°E71.516667; 137.5
Dimensioni 38 × 26 km
Geografia politica
Stato Russia Russia
Repubblica autonoma di Sacha-Jacuzia
Ulus di Ust'-Janskij
Cartografia
Mappa di localizzazione: Distretto Federale dell'Estremo Oriente
Isola Jarok
Isola Jarok

[senza fonte]

voci di isole della Russia presenti su Wikipedia

L'isola Jarok (in russo: остров Ярок, ostrov Jarok) è la più grande delle isole del Golfo della Jana, nel mare di Laptev, Russia. Amministrativamente appartiene al Ust'-Janskij ulus della Repubblica autonoma di Sacha-Jacuzia.

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

L'isola è situata nella baia Janskij dove sfocia il fiume Jana; è separata dalla terraferma da un canale di poco più di 2 km di ampiezza. Jarok è lunga 38 km e larga 26 km, è piatta e ha molti piccoli laghi, paludi e banchi si sabbia; d'inverno è ricoperta dal ghiaccio ed è un tutt'uno con la terraferma[1]. A nord-est si trovano le isole Šelonskie e l'isola Makar.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1712 Jakov Permjakov e il suo compagno Merkurij Vagin sono stati i primi esploratori russi registrati che hanno percorso tale zona. Hanno attraversato il golfo della Jana, sul ghiaccio, dal delta del fiume Jana fino all'isola Bol’šoj Ljachovskij ed esplorato l'isola Jarok, allora sconosciuta. Sfortunatamente Permjakov e Vagin sono stati uccisi sulla via del ritorno dai membri della spedizione che si sono ammutinati.

Nel 1892-1894 il barone Eduard von Toll, prese parte alla spedizione guidata da Aleksandr Aleksandrovič Bunge[2] (1851-1930) e svolse indagini geologiche nella zona del delta della Jana per conto dell'Accademia imperiale russa delle Scienze di San Pietroburgo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Polynyas and frozen surface in the Laptev Sea during the winter
  2. ^ Figlio del botanico Aleksandr Andreevič Bunge (1803-1890).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]