Ismaël Aït Djafer

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Ismaël Aït Djafer (Algeri, 1929Parigi, 1995) è stato un poeta algerino.

Ha pubblicato articoli e scritti in numerose riviste, tra cui Les Temps Modernes. Il poema La Complainte des mendiants arabes de la Casbah et de la petite Yasmina tuée par son père, pubblicato grazie ad una colletta nel 1951, venne ripubblicato nel 1954 sulla prestigiosa rivista francese diretta da Jean-Paul Sartre ed è stato recentemente tradotto in italiano da Gianluca Paciucci. Dopo un primo avvicinamento al movimento di Ferhat Abbas, Djafer si trasferì dapprima in Germania e Svezia e, in seguito al colpo di Stato attuato da Houari Boumédiène, andò in esilio a Parigi. Nel 1995-'96 ha pubblicato Cri (Grido) sul n° 10 della rivista Passerelles. Nel 1998 è stato invece pubblicato Poèmes écrits en prison non méritée (Poesie scritte in una prigione immeritata) dalle Editions Rafael de Surtis.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • La Complainte des mendiants arabes de la Casbah et de la petite Yasmina tuée par son père, trad. it. Compianto dei mendicanti arabi della Casba e della piccola Yasmina uccisa dal padre, Baronissi (SA), Multimedia Edizioni, 2012 ISBN 88-86203-61-6
Controllo di autoritàVIAF (EN121903528 · ISNI (EN0000 0001 1822 0827 · BNF (FRcb12554578m (data) · WorldCat Identities (EN121903528