Isimud

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Isimud rappresentato a due facce nel cilindro accadico di Adda, British Museum.
Isimud rappresentato a due facce nel cilindro accadico di Adda, British Museum.

Isimud, o anche Isinu o Usmû, era il messaggero del dio Enki nella mitologia sumera.[1]

È appellato anche come "Buon Nome del Cielo".[2]

Mitologia[modifica | modifica wikitesto]

Quando Inanna sottraè i me a Enki, sbronzo, subito ordinò a Isimud di andarli a recuperare insieme a dei mostri marini nelle 7 tappe del viaggio che Inanna avrebbe compiuto da Eridu a Uruk, sua città.[2]

Alla fine Ninshubur, sua messaggera, li restituisce al padre.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Kramer 1997, p 100.
  2. ^ a b c Kramer 1997, p 101.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Mitologia Portale Mitologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia