Isegoria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Isegoria (da isos = uguale + ὰγορεύω = parlare in assemblea) designa l'eguale possibilità di prendere parola nelle pubbliche assemblee, considerata uno dei cardini della democrazia greca.

Una prima menzione dell'isegoria la si ha nei poemi omerici, in particolare nell'Iliade. Tersite prende la parola per criticare i re, dicendo cose non molto diverse da quelle dette da Achille ma viene severamente punito in una assemblea dominata dai re e dagli eroi: Tersite, uomo del demos, ha sì il diritto di parlare, ma non di pronunciare frasi inopportune verso il ceto dominante. L'organizzazione gerarchica prevaleva su un diritto che non aveva trovato regolamentazione con la fissazione di criteri oggettivi.

Con l'affermarsi, sia pure contrastato, della democrazia, gli strati emergenti delle popolazioni riuscirono a conquistare il diritto di parlare in assemblea (isegoria) e quello di farlo liberamente per quello che riguarda i contenuti (parresia) i due termini sono usati come sinonimi.[1]

Nella Costituzione degli Ateniesi dello pseudo-Aristotele[2], l'isegoria è considerata fondamentale. Erodoto afferma che Atene, che era divenuta la polis più potente, aveva introdotto in modo scrupoloso l'isegoria. Anche Euripide, nelle Supplici, sottolinea il rapporto tra l'isegorìa (compresa la libertà di tacere) e le prerogative di libertà e uguaglianza.

Grafē paranómōn[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: graphe paranomon.

Una grave limitazione all'isegoria fu introdotta ad Atene con l'istituto del grafē paranómōn (in greco Γραφή παρανόμων). Il cittadino che in assemblea avesse proposto alcunché in contrasto con il diritto tradizionale poteva subire pene assai gravi, compreso l'esilio decennale. Questo, ovviamente, comportò una grave limitazione alla libertà di espressione in assemblea. A differenza dell'ostracismo, la grafè paronomon aveva come presupposto un comportamento considerato come una colpa mentre l'ostracismo aveva un eminente carattere di scrutinio politico, indipendente da una condotta colpevole (tale connotazione politica del giudizio di ostracismo emerge chiaramente dal fatto che la condanna non richiedeva e non comportava una accusa penale).

L'istituto della graphē paranómōn si prestava a evidenti abusi e soprattutto a un effetto dissuasivo della libertà di espressione e il suo diffondersi coincise con la fine della democrazia greca[3][4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Erodoto usa più volte il termine isegoria, mentre Euripide, Demostene, Isocrate usano più spesso, anche se spesso parrhesìa. Cfr. Arnaldo Momigliano, Sesto contributo alla storia degli studi classici e del mondo antico, Tomo II, Edizioni di Storia e Letteratura, 1980
  2. ^ La tradizionale attribuzione della Costituzione degli Ateniesi ad Aristotele viene respinta dalla critica moderna. Sullo specifico punto Aristotele non usa mai isegoria con valore di diritto di parola nelle assemblee pubbliche, ma solo nella sfera privata (cfr Arnaldo Momigliano)
  3. ^ Demosthenes, 15.18
  4. ^ La libertà di parola in Grecia

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]