Isabella di Capua

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Isabella di Capua
Isabella di Capua.jpg
Ritratto di Isabella di Capua, XVI secolo.
Contessa consorte di Guastalla
Stemma
In carica 1529-1557
Predecessore Ludovica Torelli
Successore Camilla Borromeo
Altri titoli Principessa di Molfetta
Nascita 1510
Morte Napoli, 17 settembre 1559
Dinastia Di Capua
Padre Ferrante di Capua
Madre Antonicca Del Balzo
Consorte Ferrante I Gonzaga
Figli Anna
Cesare
Ippolita
Francesco
Andrea Gonzaga
Gian Vincenzo
Ercole
Ottavio
Filippo
Geronima
Maria
Religione Cattolica

Isabella di Capua (1510Napoli, 17 settembre 1559) principessa di Molfetta, divenne moglie di Ferrante I Gonzaga, conte di Guastalla..

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Jacopo Nizzola, medaglia di Isabella di Capua, 1550 circa.

Era figlia primogenita di Ferrante di Capua, conte di Alessano, marchese di Specchia, secondo duca di Termoli e principe di Molfetta dal 1522, e di Antonicca Del Balzo[1].

Fu promessa sposa di Traiano Caracciolo, principe di Melfi che sposò nel 1525. Il matrimonio fu annullato poco tempo dopo per motivi politici da Papa Clemente VII nel 1530; nello stesso anno si sposò a Napoli con Ferrante Gonzaga, conte di Guastalla capitano e uomo di fiducia dell'imperatore Carlo V, portando in dote al marito i feudi di Molfetta, Giovinazzo, San Paolo di Civitate, Serracapriola, Chieuti e Campobasso.[2]

Isabella è ricordata come una donna adulata da poeti e letterati che le dedicarono madrigali e poemetti per sua bellezza e per le virtù morali.

Morì a Napoli il 17 settembre 1559.

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Stemma della famiglia di Capua-del Balzo cui apparteneva Isabella

Isabella e Ferrante ebbero undici figli:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Carlo V concesse a Ferrante di unire il suo araldo a quello della moglie. M. Ziccardi, Gambatesa e i di Capua. I pastori e i signori, in D. Ferrara, Il Castello di Capua e Gambatesa. Mito Storia e Paesaggio, Campobasso 2010, p. 17
  2. ^ Giuseppe Amadei e Ercolano Marani (a cura di), I ritratti gonzagheschi della collezione di Ambras, Mantova, 1980, ISBN non esistente.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • G. Brunelli, Ferrante Gonzaga, in «Dizionario biografico degli Italiani», LVII, Roma 2001.
  • C. de Gioia Gadaleta, Isabella de Capua Gonzaga Principessa di Molfetta - Signora di Guastalla, Molfetta 2003.
  • M. Ziccardi, Gambatesa e i di Capua. I pastori e i signori, in D. Ferrara, Il Castello di Capua e Gambatesa. Mito Storia e Paesaggio, Campobasso 2010.
  • Giuseppe Amadei e Ercolano Marani (a cura di), I ritratti gonzagheschi della collezione di Ambras, Mantova, 1980, ISBN non esistente.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Principessa di Molfetta Successore
Ferrante di Capua  ? - 1529 Ferrante I Gonzaga
Predecessore Contessa consorte di Guastalla Successore
Ludovica Torelli 1529 - 1557 Camilla Borromeo