Isabella di Capua

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Isabella di Capua
Isabella di Capua.jpg
Ritratto di Isabella di Capua, XVI secolo
Contessa consorte di Guastalla
Stemma
In carica 1529-1557
Predecessore Ludovica Torelli
Successore Camilla Borromeo
Altri titoli Principessa di Molfetta
Nascita 1510
Morte 1559
Dinastia Di Capua
Padre Ferrante di Capua
Madre Antonicca Del Balzo
Consorte Ferrante I Gonzaga
Figli Anna, Cesare, Ippolita, Francesco, Andrea Gonzaga, Gian Vincenzo, Ercole, Ottavio, Filippo, Geronima, Maria

Isabella di Capua (15101559) principessa di Molfetta, divenne moglie di Ferrante I Gonzaga, conte di Guastalla..

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Jacopo Nizzola, medaglia di Isabella di Capua, 1550 circa.

Era figlia primogenita di Ferrante di Capua, conte di Alessano, marchese di Specchia, secondo duca di Termoli e principe di Molfetta dal 1522, e di Antonicca Del Balzo[1].

Fu promessa sposa di Traiano Caracciolo, principe di Melfi che sposò nel 1525. Il matrimonio fu annullato poco tempo dopo per motivi politici da Papa Clemente VII nel 1530; nello stesso anno si sposò a Napoli con Ferrante Gonzaga, conte di Guastalla capitano e uomo di fiducia dell'imperatore Carlo V, portando in dote al marito i feudi di Molfetta, Giovinazzo, San Paolo di Civitate, Serracapriola, Chieuti e Campobasso.[2]

Isabella è ricordata come una donna adulata da poeti e letterati che le dedicarono madrigali e poemetti per sua bellezza e per le virtù morali.

Morì nel 1559.

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Stemma della famiglia di Capua-del Balzo cui apparteneva Isabella

Isabella e Ferrante ebbero undici figli:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Carlo V concesse a Ferrante di unire il suo araldo a quello della moglie. M. Ziccardi, Gambatesa e i di Capua. I pastori e i signori, in D. Ferrara, Il Castello di Capua e Gambatesa. Mito Storia e Paesaggio, Campobasso 2010, p. 17
  2. ^ Giuseppe Amadei e Ercolano Marani (a cura di), I ritratti gonzagheschi della collezione di Ambras, Mantova, 1980, ISBN non esistente.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • G. Brunelli, Ferrante Gonzaga, in «Dizionario biografico degli Italiani», LVII, Roma 2001.
  • C. de Gioia Gadaleta, Isabella de Capua Gonzaga Principessa di Molfetta - Signora di Guastalla, Molfetta 2003.
  • M. Ziccardi, Gambatesa e i di Capua. I pastori e i signori, in D. Ferrara, Il Castello di Capua e Gambatesa. Mito Storia e Paesaggio, Campobasso 2010.
  • Giuseppe Amadei e Ercolano Marani (a cura di), I ritratti gonzagheschi della collezione di Ambras, Mantova, 1980, ISBN non esistente.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Principessa di Molfetta Successore
Ferrante di Capua  ? - 1529 Ferrante I Gonzaga
Predecessore Contessa consorte di Guastalla Successore
Ludovica Torelli 1529-1557 Camilla Borromeo