Ireneo Vinciguerra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ireneo Vinciguerra

Deputato dell'Assemblea Costituente
Gruppo
parlamentare
Socialista
Collegio Avellino

Dati generali
Partito politico Partito Socialista
Titolo di studio Laurea in Giurisprudenza
Professione Avvocato

Ireneo Vinciguerra (Ariano Irpino, 24 marzo 1887Ariano Irpino, 1954) è stato un politico italiano, deputato socialista all'Assemblea Costituente.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Entrato giovanissimo nelle file del Partito Socialista, fu un propagandista. Durante il ventennio mantenne integra e salda la sua coscienza di antifascista: ciò fece dire, nella commemorazione fattane alla Camera, che era "tanto più apprezzabile il suo atteggiamento quanto più difficile era nella piccola cerchia della sua città sottrarsi alla vigilanza e ai ricatti dei servi della tirannia. Preferì la povertà più amara alla servitù. Il suo atteggiamento fu di esempio a molti giovani" [1]. Dopo la caduta del fascismo, Vinciguerra fu a capo del comitato di liberazione e sindaco di Ariano Irpino.

Fu inoltre eletto deputato alla Costituente per il Partito Socialista Italiano. Dopo un momento di schieramento con la scissione socialista di palazzo Barberini, si riavvicinò al suo partito d'origine. Nel 2007 l'amministrazione comunale intitolò a Vinciguerra il tratto finale del corso principale di Ariano Irpino, quella via tra la piazza del comune e piazza Ferrara originariamente tutta intitolata al senatore Rodolfo d'Afflitto (il massimo esponente politico cittadino nell'Ottocento, vice Presidente del Senato regio).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Atti parlamentari, Camera dei deputati, seduta del 24 settembre 1954, resoconto stenografico, p. 12302, su http://legislature.camera.it/_dati/leg02/lavori/stenografici/sed0198/sed0198.pdf.