Ireen Wüst

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ireen Wüst
Ireen Wüst.jpg
Ireen Wüst nel 2013
Nazionalità Paesi Bassi Paesi Bassi
Altezza 168 cm
Peso 63 kg
Pattinaggio di velocità Speed skating pictogram.svg
Palmarès
Olimpiadi 5 5 1
Mondiali completi 6 4 2
Mondiali distanza singola 13 14 1
Mondiali sprint 0 1 0
Europei completi 5 4 2
Grand World Cup 1 trofeo
Coppa del Mondo 1500 m 2 trofei
Coppa del Mondo inseguimento a squadre 5 trofei
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al 26 febbraio 2019

Irene Karlijn "Ireen" Wüst (Goirle, 1º aprile 1986) è una pattinatrice di velocità su ghiaccio olandese, vincitrice di cinque medaglie d'oro olimpiche. Il 12 febbraio 2006, all'età di 19 anni, ha vinto la medaglia d'oro nei 3000 metri alle Olimpiadi invernali di Torino 2006, diventando così la più giovane campionessa olimpica olandese nella storia.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Esordisce a livello senior nel novembre 2003, con due noni posti ai campionati olandesi su distanza singola. Nel 2005 vince la medaglia d'oro ai campionati mondiali juniores. Nella stagione 2005-2006 vince tre ori ai campionati olandesi su distanza singola, qualificandosi per le Olimpiadi di Torino. Ai giochi conquista l'oro nei 3000 metri e il bronzo nei 1500. Nel 2007, a Heerenveen, vince per la prima volta i campionati mondiali completi, poi conquista due medaglie d'oro, nei 1000 e nei 1500 metri ai mondiali su distanza singola di Salt Lake City. Nel 2008 vince il titolo di campionessa europea e conquista l'oro nell'inseguimento a squadre ai Mondiali di Nagano.

Nel 2010, ai Giochi di Vancouver, vince ancora una medaglia d'oro, stavolta nei 1500 metri. Nel 2011 conquista il suo secondo titolo ai Mondiali completi di Calgary, confermandosi poi l'anno dopo a Mosca. Ireen Wüst durante la premiazione alle Olimpiadi del 2010 a Vancouver, dove conquistò l'oro nei 1500 metri, baciò sulla bocca la sua compagna, nella vita e nella squadra, la pattinatrice di short track Sanne van Kerkhof.

Le due pattinatrici hanno fatte parte dei sette atleti apertamente gay che hanno partecipato alle Olimpiadi invernali del 2014. Nel 2014 sale sul podio in tutte e 5 le gare dei Giochi di Soči a cui prende parte. Vince due medaglie d'oro, nei 3000 metri e nell'inseguimento a squadre, e tre medaglie d'argento, nei 1000, 1500 e 5000 metri. Dopo la vittoria nei 3000 metri il Presidente russo Vladimir Putin ha abbracciato l'atleta, dichiaratamente lesbica, facendo così un gesto distensivo, dopo le polemiche per la legge russa contro la propaganda omosessuale. L'incontro è avvenuto a Casa Olanda, dove la pattinatrice festeggiava l'oro con la famiglia reale olandese.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Olimpiadi[modifica | modifica wikitesto]

Mondiali completi[modifica | modifica wikitesto]

Mondiali distanza singola[modifica | modifica wikitesto]

Mondiali sprint[modifica | modifica wikitesto]

Europei completi[modifica | modifica wikitesto]

Mondiali juniores[modifica | modifica wikitesto]

Coppa del Mondo[modifica | modifica wikitesto]

  • Vincitrice della Grand World Cup nel 2013.
  • Vincitrice della Coppa del Mondo dei 1500 m nel 2007 e nel 2014.
  • Vincitrice della Coppa del Mondo di inseguimento a squadre nel 2007, nel 2011, nel 2013, nel 2014 e nel 2015.
  • 95 podi (19 nei 1000 m, 37 nei 1500 m, 20 nei 3000 m, 19 nell'inseguimento a squadre):
    • 44 vittorie (4 nei 1000 m, 21 nei 1500 m, 6 nei 3000 m, 13 nell'inseguimento a squadre);
    • 32 secondi posti (9 nei 1000 m, 11 nei 1500 m, 7 nei 3000 m, 5 nell'inseguimento a squadre);
    • 19 terzi posti (6 nei 1000 m, 5 nei 1500 m, 7 nei 3000 m, 1 nell'inseguimento a squadre).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN305858485 · ISNI (EN0000 0004 2338 5978