Irbm Science Park

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
IRBM Science Park di Pomezia

L'IRBM Science Park SpA è una società italiana, fondata nel 2009 a Pomezia, operante nel settore della biotecnologia molecolare, della scienza biomedicale e della chimica organica. Una delle maggiori aree di ricerca dell'Istituto è la scoperta di nuovi farmaci nelle aree terapeutiche della neurodegenerazione, dell'oncologia e delle malattie infettive e parassitarie. Nei laboratori dell'IRBM, i ricercatori della società partecipata Advent hanno messo a punto il vaccino italiano anti-ebola, il cui brevetto è stato acquistato nel 2013 dalla società britannica Gsk.

Società del Gruppo[modifica | modifica wikitesto]

L'IRBM Science Park è costituito da 4 società:

  • IRBM: sito di ricerca che conduce progetti di ricerca integrati nel campo chimico farmaceutico per l'identificazione di nuovi agenti terapeutici sia di origine chimica che biologica;
  • ADVENT: azienda per lo sviluppo e produzione di vaccini adenovirali per uso clinico;
  • CNCCS: consorzio pubblico-privato costituito nel 2010 dal CNR, Consiglio Nazionale delle Ricerche, dall'ISS, l'Istituto Superiore di Sanità e da IRBM per la creazione e l'implementazione della Banca Europea di “Composti” chimici e lo studio di una serie di malattie rare, trascurate e della povertà;
  • PROMIDIS: i cui laboratori sono situati presso l'Università San Raffaele di Milano, effettua ricerca chimica e sviluppo sperimentale nel campo delle altre scienze naturali, farmaceutico e di processo.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'IRBM Science Park SpA nasce come spin-off dell'Istituto di Ricerca di Biologia Molecolare P. Angeletti SpA (IRBM), fondato nel 1990 come joint venture tra la multinazionale farmaceutica americana Merck Sharp & Dohme (MSD) e l'italiana Sigma Tau. Dal 2000 al 2009 l'IRBM è di proprietà della sola Merck, anno in cui il colosso americano si fonde con la azienda farmaceutica americana Schering Plough, prendendo il nome di Merck & Co., e decide di dismettere il centro italiano nell'ambito di un processo di ristrutturazione internazionale e riorganizzazione dei processi di ricerca di base. La Merck e Co. cede il Centro di Ricerca ad una nuova società, la IRBM Science Park, di proprietà di Piero Di Lorenzo.[1]

Ricerca e innovazione[modifica | modifica wikitesto]

L'IRBM ha rilasciato 25 molecole che avanzano in sviluppo preclinico e clinico. Questi includono:

  • farmaco commercializzato Isentress™, il cui principio attivo, il raltegravir, inibitore dell'integrasi dell'HIV, blocca l'enzima coinvolto nella replicazione dell'Hiv, per il trattamento dell'HIV/AIDS, che è valso il Premio Galeno USA 2008 per il miglior agente farmaceutico;
  • Grazoprevir, un inibitore della proteasi HCV pan-genotipica attualmente in fase avanzata negli studi clinici;
  • Niraparib, inibitore selettivo delle PARP-1 e PARP-2;
  • Zolinza (SAHA), inibitore degli istoni deacetilasi (HDAC) per il trattamento del linfoma cutaneo a cellule T in fase avanzata, in cui il team ha dato un contributo per lo sviluppo.[2]

Nei laboratori dell'IRBM Science Park un team di ricercatori italiani e americani ha messo a punto il vaccino anti-ebola Chad3Ebola-Zaire, un adenovirus monovalente in grado di neutralizzare il ceppo «Zaire» del virus, concepito e realizzato da OKAIROS, società biotech fondata dal Prof. Riccardo Cortese, con la quale l'IRBM ha costituito la joint venture paritaria Advent. [3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Industria: MSD Italia cede Istituto ricerca a IRBM Science Park, in AdnKronos, 30 settembre 2009. URL consultato il 26 novembre 2015.
  2. ^ Sito di IRBM
  3. ^ Ebola, con il vaccino sviluppato in italia si ottiene l'immunità per 10 mesi, su La Repubblica, 7 settembre 2014. URL consultato il 26 novembre 2015.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità ISNI: (EN0000 0004 1758 2430