Iolo Morganwg

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Iolo Morganwg

Iolo Morganwg, pseudonimo di Edward Williams (Pennoc, Llancarfan, 10 marzo 17471826), è stato un poeta, antiquario, bardo e druido gallese. Fece nascere in Galles il culto per il druidismo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Iolo e il suo amico Edward Evan erano convinti di essere gli ultimi due membri viventi dell'ordine dei bardi e che dovevano rivelare gli arcani segreti ricevuti in successione apostolica dai druidi.

La teologia druidica di Iolo era molto simile all'unitarianismo, con una forte coloritura pacifista. Le cerimonie erano complesse, ma non prevedevano sacrifici umani. Nel 1797 Iolo dichiarò che il suo scopo era di far sì che la gente comune non rinunciasse alla propria lingua, di farle conoscere la sua storia attraverso i canti e di far nascere una nuova religione morale senza dispute confessionali.

Tra le sue opere c'è il Coelbren y Beirdd (L'alfabeto dei bardi), un alfabeto di tipo ogamico adatto alle incisioni su pietra e legno, e poiché i conquistatori inglesi avevano proibito ai bardi gallesi l'uso di penna e inchiostro, questi erano costretti a comunicare incidendo i bizzarri caratteri su dei misteriosi bastoncini che venivano spostati all'interno di una cornice di legno, come un abaco: il peithynen.

Ma l'attività più notevole di Iolo fu il collezionismo di scritti antichi, grazie al quale ci sono rimaste molte opere letterarie che altrimenti sarebbero probabilmente perdute.

Opere (tradotte in italiano)[modifica | modifica wikitesto]

  • Iolo Morganwg, Barddas. L'antico codice dei druidi gallesi, traduzione di E. Selleri, Sossano (VI), Anguana Edizioni, 2015, ISBN 978-8897621584

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Prys Morgan, From Death to a View: la caccia al passato gallese in epoca romantica; in: E.J. Hobsbawm, T. Ranger (a cura di), L'invenzione della tradizione, traduzione di E. Basaglia, Torino, Einaudi, 2002 [1987], ISBN 978-8806162450

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN36956392 · LCCN: (ENn81003849 · ISNI: (EN0000 0001 0814 2378 · GND: (DE129620467 · BNF: (FRcb12157296r (data) · NLA: (EN36061473 · CERL: cnp01001347