Io, Daniel Blake

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Io, Daniel Blake
I, Daniel Blake.jpg
Dave Johns in una scena del film
Titolo originaleI, Daniel Blake
Paese di produzioneRegno Unito, Francia, Belgio
Anno2016
Durata100 min
Generedrammatico, commedia
RegiaKen Loach
SceneggiaturaPaul Laverty
Distribuzione (Italia)Cinema
FotografiaRobbie Ryan
MontaggioJonathan Morris
MusicheGeorge Fenton
ScenografiaFergus Clegg e Linda Wilson
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Io, Daniel Blake (I, Daniel Blake) è un film del 2016 diretto da Ken Loach vincitore della Palma d'oro al Festival di Cannes 2016.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

In seguito a una grave crisi cardiaca, per la prima volta nella sua vita, Daniel Blake, un carpentiere di Newcastle di 59 anni, è costretto a chiedere un sussidio statale. Il suo medico gli ha proibito di lavorare, ma a causa di incredibili incongruenze burocratiche si trova nell'assurda condizione di dover comunque cercare lavoro – pena una severa sanzione – mentre aspetta che venga approvata la sua richiesta di indennità per malattia. Durante una delle sue visite regolari al centro per l'impiego, Daniel incontra Katie, giovane madre single di due figli piccoli che non riesce a trovare lavoro. Entrambi stretti nella morsa delle aberrazioni amministrative della Gran Bretagna di oggi, Daniel e Katie stringono un legame di amicizia speciale, cercando di darsi sostegno e aiutarsi come possono in questa situazione molto complicata.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato prodotto dalla Sixteen Films, Why Not Productions, e Wild Bunch, con la collaborazione della BBC e della BFI.[1] Le scene sono state girate completamente nel Regno Unito, e più precisamente a Londra (Inghilterra), e a Newcastle upon Tyne (Tyne and Wear).[2]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato distribuito in Francia il 13 maggio 2016 al Festival di Cannes con il nome Moi, Daniel Blake, e il 26 ottobre nelle sale cinematografiche del paese dalla Le Pacte; in Italia il 21 ottobre, e nei Paesi Bassi il 24 novembre dalla Cinéart, come Én, Daniel Blake.[3][4][5]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema