Invecchiamento (biologia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'invecchiamento è, in generale, il processo naturale che conduce ad un aumento dell'entropia in un qualunque sistema fisico.

Mentre per gli oggetti inorganici tale processo è subito passivamente, gli esseri viventi hanno sistemi che consentono loro di contrastare l'invecchiamento, ovvero di tendere a mantenere costante l'ordine della propria struttura fisica. Ciò nonostante, per la maggior parte di essi (in genere gli organismi pluricellulari complessi) l'invecchiamento è comunque una parte normale del loro percorso di sviluppo biologico, essendo implicati, in esso, vari meccanismi fisici e biologici.

L'invecchiamento degli esseri umani[modifica | modifica wikitesto]

Molte sono le teorie e le ricerche genetiche che vertono sull'invecchiamento prematuro e su quello tardivo. Nel complesso, però, le cellule incominciano a non rigenerarsi più dopo i 25 anni.

Secondo una recente teoria, così come una sostanza acida corrode un metallo causando la sua usura e deterioramento, così l'acido desossiribonucleico contenuto nel DNA, reagisce con le sostanze presenti nelle cellule causando deterioramento delle cellule di un essere vivente causando un processo di usura e quindi invecchiamento. Si dovrebbero sperimentare sostanze chimiche in grado di neutralizzare l'acido desossiribonucleico del DNA impedendo così il processo di deterioramento e quindi invecchiamento cellulare

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità GND: (DE4068596-2