Internet Initiative Japan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Internet Initiative Japan
Logo
IidabashiGrandBloom.JPG
Sede di Internet Initiative Japan
StatoGiappone Giappone
Forma societariaSocietà per azioni
Borse valori
Fondazione3 dicembre 1992 a Tokyo
Fondata daProgetto WIDE
Sede principaleChiyoda
Filiali
  • IIJ America, Inc.
Persone chiave
Settoretelecomunicazioni
Prodotti * Internet
Fatturato140 miliardi di ¥[1] (2015)
Utile netto4,04 miliardi di ¥[1] (2015)
Dipendenti4.992 (2016)
Slogan«Ongoing Innovation»
Sito web

Internet Initiative Japan, Inc. (株式会社インターネットイニシアティブ Kabushiki-gaisha Intānetto Inishiatibu?) è un'azienda giapponese di telecomunicazioni che offre servizi Internet e WAN, nonché servizi di outsourcing a valore aggiunto, cloud computing e integrazione di sistemi.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La Internet Initiative Japan (IIJ) venne fondata nel dicembre del 1992 nell'ambito del progetto WIDE, diventando la prima azienda giapponese[2] a offrire servizi legati a Internet nel paese[3][4].

La IIJ entrò nel mercato dell'Internet a banda larga nel 1998 attraverso la Crosswave Communications (CWC), compagnia nata da una joint venture tra Toyota, Sony e la stessa IIJ[5]. L'accesa concorrenza nel settore delle telecomunicazioni e lo scoppio della bolla delle dot-com costrinsero tuttavia la neonata società ad avviare pochi anni dopo la sua fondazione un procedimento di ristrutturazione aziendale[6] e a cedere le proprie quote alla Nippon Telegraph and Telephone (NTT)[7], la quale arrivò ad acquisire nel 2003 anche circa il 30% della IIJ[8].

Nei primi anni duemila la IIJ emerse comunque come una delle aziende leader nella ricerca, nello sviluppo e nella diffusione in Giappone della tecnologia IPv6[9], nonché una delle maggiori aziende giapponesi nel settore del cloud computing tramite il servizio denominato IIJ GIO[10]. Dal 2001 gestisce inoltre l'operatore virtuale di rete mobile IIJmio[11], il quale si appoggia sulla rete della NTT docomo[12].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (JA) 2016年3月期総括 (PDF), su iij.ad.jp, Internet Initiative Japan, Inc., marzo 2016. URL consultato il 3 febbraio 2017.
  2. ^ TWICS fu il primo ISP a operare in Giappone, ma solo in seguito a un accordo commerciale con due aziende statunitensi, la InterCon Systems Corporation e la AT&T.
  3. ^ (EN) Bob Johnstone, Wiring Japan, in Wired, 1º febbraio 1994. URL consultato il 20 gennaio 2017.
  4. ^ (EN) Aizu Izumi, Internet in Japan in Asian Context, Asia Network Research, 1998. URL consultato il 20 gennaio 2017.
  5. ^ (EN) Sony, Toyota enter data service venture with IIJ, in The Japan Times, 26 gennaio 1999. URL consultato il 3 febbraio 2017.
  6. ^ (EN) Data centre venture files for bankruptcy, su computerweekly.com, 21 agosto 2003. URL consultato il 3 febbraio 2017.
  7. ^ (EN) Crosswave Announces Signing Agreement for Transfer of Operations, in Business Wire, 4 dicembre 2003. URL consultato il 3 febbraio 2017.
  8. ^ (JA) IIJ、第三者割当増資でNTTグループが筆頭株主に, in Internet Watch, 16 settembre 2003. URL consultato il 3 febbraio 2017.
  9. ^ Esaki, Sunahara e Murai, 2008, p. 11.
  10. ^ (EN) iomart’s Backup Technology Powers IIJ Europe’s Enterprise Cloud-IIJ GIO, su iomart.com, 15 luglio 2015. URL consultato il 3 febbraio 2017.
  11. ^ (EN) IIJ to Launch New 'IIJmio' Services for Individuals, in PR Newswire, 29 agosto 2001. URL consultato il 3 febbraio 2017. Archiviato da thefreelibrary.com.
  12. ^ (EN) IIJ Launches “Japan Travel SIM powered by IIJmio” a 2GB Prepaid SIM Card for Foreign Visitors to Japan, su iij.ad.jp (Internet Initiative Japan, Inc.), 30 settembre 2014. URL consultato il 3 febbraio 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Hiroshi Esaki, Hideki Sunahara e Jun Murai, Broadband Internet Deployment in Japan, IOS Press, 2008, ISBN 9781586038625.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN256681640 · LCCN (ENn2016010922 · NDL (ENJA01018491 · WorldCat Identities (ENn2016-010922