Intel MCS-48

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Il microcontrollore Intel 8048

Gli integrati della serie MCS-48 sono stati i primi microcontrollori realizzati da Intel.[1] Il capostipite nonché il chip più noto della serie è stato l'Intel 8048, commercializzato a partire dal 1976.[1][2] Oltre all'Intel 8048 la serie comprendeva altri chip, che differivano tra di loro per il differente tipo e quantitativo di memoria interna o il numero ed il tipo di periferiche integrate.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Agli inizi degli anni settanta Texas Instruments produsse quello che è considerato essere il primo microcontrollore della storia, il TMS 1000.[3] Esso fu inventato per ridurre al minimo il numero di integrati necessari a realizzare un circuito: infatti, un microcontrollore integra non solo la CPU, l'unità centrale che elabora i dati, ma anche le memorie necessarie a contenere il programma ed i dati che esso elabora nonché le periferiche necessarie per comunicare con l'esterno. Un microcontrollore è in pratica un microcomputer in un singolo chip che contiene tutto ciò che serve a gestire un sistema digitale.[2]

Anche Intel decise di entrare in quel mercato e nel 1976 rilasciò il suo primo microcontrollore, l'Intel 8048, seguito da diversi modelli che differivano per alcune caratteristiche tecniche. Tutta la serie prese il nome di MCS-48, dove "MCS" stava per "Micro-Control System"[4] e "48" indicava la sigla del capostipite della famiglia.[2]

L'Intel 8048 è stato eclissato in popolarità dal più famoso Intel 8051, messo in commercio qualche anno dopo ma, nonostante questo, esso è stato utilizzato fino agli inizi del terzo millennio per la realizzazione di dispositivi elettronici di basso prezzo proprio grazie alla sua semplicità d'uso e economicità.[1]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

I microcontrollori della serie MCS-48 sono basati su una CPU ad 8 bit. I primi modelli, come l'Intel 8048 sono stati realizzati inizialmente con logiche NMOS, per passare a quelle CMOS agli inizi degli anni '80 del XX secolo. Questi microcontrollori sono basati su un'architettura Harvard modificata grazie a cui possono indirizzare memoria programma (di tipo ROM ma anche EPROM) esterna al chip. Le porte di Input/Output sono mappate nello spazio di indirizzamento proprio della CPU, separato dallo spazio di indirizzamento della memoria del programma e di quella dei dati. Il microcontrollore richiede una sola alimentazione a 5 Volt e quasi tutte le istruzioni (più di 90) occupano 1 solo byte.[2] L'architettura dell'Intel 8048 è stata ispirata in parte dal microprocessore Fairchild F8.[1]

Varianti[modifica | modifica wikitesto]

Micro Mem. programma
interna
Memoria dati Note[1][2]
8020 1 KB ROM 64 B RAM 8048 a 20 pin, solo 13 linee di I/O
8021 1 KB ROM 64 B RAM 8048 a 28 pin, solo 21 linee di I/O
8022 2 KB ROM 64 B RAM 8048 con convertitore analogico/digitale integrato
8035 --- 64 B RAM
8039 --- 128 B RAM
8040 --- 256 B RAM
8048 1 KB ROM 64 B RAM Capostipite della serie
8049 2 KB ROM 128 B RAM
8050 zocc. ROM esterno 256 B RAM
8748 1 KB EPROM 64 B RAM
8749 2 KB EPROM 128 B RAM
8648 1 KB OTP EPROM 64 × 8 RAM OTP EPROM scritta in fabbrica
Micro Mem. programma
interna
Memoria dati Note[1][2]
8041 1 KB ROM 64 B RAM Universal Peripheral Interface (UPI)
8041AH 1 KB ROM 128 B RAM UPI
8741A 1 KB EPROM 64 B RAM UPI, versione con EPROM dell'8041
8741AH 1 KB OTP EPROM 128 B RAM UPI, versione con OTP EPROM dell'8041AH
8042AH 2 KB ROM 256 B RAM UPI
8742 2 KB EPROM 128 B RAM UPI, versione con EPROM dell'8048
8742AH 2 KB OTP EPROM 256 B RAM UPI, versione con OTP EPROM dell'8042AH

Utilizzi[modifica | modifica wikitesto]

La serie MCS-48 è stata utilizzata in alcuni microcomputer, giochi arcade e console giochi prodotti fra la fine degli anni settanta ed i primi anni ottanta del XX secolo.

L'IMSAI 8048 è stato un microcomputer basato sull'Intel 8048 realizzato da IMS Associates, Inc., il produttore dell'IMSAI 8080.[5]

L'Intel 8048 è stato utilizzato come CPU nella console domestica Magnavox Odyssey², nota in Europa con il nome di Philips Videopac.[1]

Un Intel 8035 (la versione senza ROM interna) è stato utilizzato come chip sonoro nel videogioco arcade Donkey Kong e nel suo seguito, Donkey Kong Jr..[6]

Un Intel 8048 è stato utilizzato all'interno della tastiera del primo PC IBM per la lettura dei tasti premuti dall'utente e l'invio dei relativi codici al sistema centrale.[3]

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g Microcontrollori Intel MCS-48, The CPU Shack. URL consultato il 02/06/2015.
  2. ^ a b c d e f Scheda tecnica dei microcontrollori della famiglia MCS-48, Intel. URL consultato il 02/06/2015.
  3. ^ a b Microcontroller – Invention History and Story Behind the Scenes, Circuits Today, 23/10/2013. URL consultato il 02/06/2015.
  4. ^ Intel MCS, Intel-vintage.info. URL consultato il 02/06/2015.
  5. ^ IMSAI 8048, IMSAI. URL consultato il 02/06/2015.
  6. ^ Dettagli di Donkey Kong, Braze Technologies. URL consultato il 02/06/2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàLCCN (ENsh85067141 · BNF (FRcb122604186 (data)
Informatica Portale Informatica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di informatica