Insector X

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Insector X
videogioco
Insectorx.png
Insector X: il livello 4, la giungla.
Piattaforma Arcade, Sega Mega Drive, Super Nintendo Entertainment System
Data di pubblicazione 1989
Genere Sparatutto
Tema Insetti
Sviluppo Taito
Pubblicazione Taito
Modalità di gioco Singolo giocatore, multigiocatore a coppie
Periferiche di input Joystick o manopola, 2 pulsanti.

Insector X (インセクターX Insekutā X?) è un videogioco arcade di tipo shoot'em up creato da Taito, pubblicato nel 1989. Fu poi convertito l'anno successivo per i sistemi Megadrive e SNES.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Yanmer Insector deve ripulire il mondo degli insetti dalle orde nemiche comandate dalla regina Baglon, una Mantide religiosa.

Nel finale viene recitato nella schermata di gioco: "... dopo molte e violente battaglie il combattente Insector ha sconfitto lo straniero Baglon. L'ambizione di Baglon è collassata e l'armonia tra natura e insetti è stata ripristinata. Grazie Yamner, non dimenticheremo mai ciò che hai fatto..."

Modalità di gioco[modifica | modifica wikitesto]

Il videogioco è un classico shoot'em up a scorrimento laterale, incentrato nel mondo degli insetti con disegni in stile anime. Il personaggio vola per mezzo di un jetpack insetticida, indossa un casco con elica e deve farsi strada in cinque livelli pieni di nemici tra i più svariati, inoltre ha molte armi a disposizione.

Livelli[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito sono elencati i cinque livelli di gioco.

  1. "Il deserto" (Desert Area).
  2. "L'altopiano" (Plateau Area).
  3. "La città" (City Area).
  4. "La giungla" (Jungle Area).
  5. "Il loro impero" (Their Empire).

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Le versioni SNES e Megadrive sono state riviste in maniera più "cattiva", e lo sprite principale e i nemici sono stati cambiati.
  • Un videogioco per Amiga chiamato Apidya ricorda molto Insector X, ed inoltre alcuni effetti sonori e armi sono molto simili.
  • Insector X è stato inserito nella compilation Taito Legends 2

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]