Informatica (definizione)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

L'informatica, anche chiamata computazione, è una scienza che studia metodi, tecniche, processi, con l'obiettivo di immagazzinare, processare e trasmettere informazioni e dati in formato digitale.[1] L'informatica, che si è sviluppata velocemente a partire della seconda metà del ventesimo secolo con la comparsa di tecnologie come il circuito integrato, Internet e il telefono mobile, è il ramo della tecnologia che studia la trattazione automatica dell'informazione.[2][3][4]

Nel 1957, Karl Steinbuch ha aggiunto la parola tedesca Informatik nella pubblicazione di un documento denominato Informatik: Automatische Informationsverarbeitung (Informatica: lavorazione automatica di informazione). Il sovietico Alexander Ivanovich Mikhailov è stato il primo ad utilizzare Informatik con il significato di «studio, organizzazione, e disseminazione dell'informazione scientifica», che continua ad essere il suo significato nella suddetta lingua.[5] In inglese, la parola informatics è stato coniata quasi simultaneamente da Walter F. Bauer, nel 1962, quando egli fondò l'impresa Informatics Generale, Inc.

Origini[modifica | modifica wikitesto]

La disciplina dell'informatica è precedente alla creazione dei computer. Già nell'Antichità si conoscevano metodi per realizzare calcoli matematici, per esempio l'algoritmo di Euclide. Nel secolo XVII iniziarono ad essere inventate macchine calcolatrici. Nel secolo XIX svilupparono le prime macchine programmabili, cioè, macchine in cui l'utente avrebbe potuto modificare la sequenza di azioni da realizzare.

Case del processore LGA775 di Intel, con la scheda madre, il ventilatore del processore, l'alimentatore elettrico e la memoria.

Agli inizi dell'elaborazione automatica dell'informazione, l'informatica facilitava soltanto i lavori ripetitivi e monotoni dell'area amministrativa. L'automazione di quei processi ha portato come conseguenza diretta una diminuzione dei costi e un incremento nella produttività. Nell'informatica convergono i fondamenti delle scienze della computazione, la programmazione e anche le metodologie per lo sviluppo di software, l'architettura dei computer, i network di computer, l'intelligenza artificiale e alcuni problemi riguardanti l'elettronica. Si può definire l'informatica come l'unione sinergica dell'insieme di tutte queste discipline. Questa disciplina si applica a numerose e svariate aree della conoscenza o all'attività umana, come per esempio: gestione di affari, stoccaggio e consultazione di informazione, monitorizzazione e controllo di processi, industria, robotica, comunicazioni, controllo di trasporti, ricerca, sviluppo di giochi, design computerizzato, applicazioni/utensili multimedia, medicina, biologia, fisica, chimica, meteorologia, ingegneria, arte, ecc. Può facilitare sia prendere decisioni a livello aziendale (in un'impresa) come permettere il controllo di processi critici. Attualmente, è difficile concepire un'area che non usi per niente l'informatica. Questa può ricoprire un grande numero di funzioni, dai più semplici problemi domestici ai calcoli scientifici più complessi. Tra le funzioni principali dell'informatica si possono considerare le seguenti:

  • Avviamento di nuove specifiche di lavoro
  • Sviluppo e implementazione di sistemi informatici
  • Sistematizzazione dei processi
  • Ottimizzazione di metodi e sistemi informatici esistenti
  • Facilitare l'automazione di dati e formati.

Sistemi di elaborazione dell'informazione[modifica | modifica wikitesto]

I sistemi computazionali, generalmente implementati come dispositivi elettronici, permettono la lavorazione automatica dell'informazione. A tal proposito, i sistemi informatici devono realizzare i seguenti tre compiti basilari:

  • Ingresso: captazione dell'informazione. Normalmente sono dati e ordini inseriti per gli utenti tramite qualsiasi dispositivo di ingresso connesso al computer.
  • Processo: elaborazione dell'informazione. Realizzata tramite programmi e applicazioni disegnate per programmatori che indicano in maniera sequenziale come rispondere ad una richiesta.
  • Partenza: trasmissione di risultati. Tramite i dispositivi di partenza gli utenti possono visualizzare i risultati che sorgono dalla lavorazione dei dati.
  • Sistema operativo: è un insieme di programmi che permette l'interazione tra utente e computer.
  • Sistemi di comando e di controllo: sono sistemi basati sulla meccanica e motricità di dispositivi che permettono all'utente di localizzare, in logistica, gli elementi che si richiedono. Sono basati sull'elettricità, cioè, non nel controllo del flusso dell'elettrone, bensì nella continuità o discontinuità della corrente elettrica, se è alternata o continua o se è indotta, contro indotta, in fase o divario (vedere la periferica di ingresso)
  • Sistemi di archiviazione, sono sistemi che permettono lo stoccaggio a lungo termine di informazioni che verranno chieste per un lungo periodo di tempo. Questi sistemi usano il concetto di biblioteca per localizzare l'informazione richiesta.
  • Codice ASCII è un metodo per la corrispondenza di catene di bit che in questo modo permettono la comunicazione tra dispositivi digitali, nonché il loro avvio e stoccaggio. Attualmente tutti i sistemi informatici utilizzano il codice ASCII per rappresentare testi, grafici, audio e un'infinità di informazioni per il controllo e la gestione di dispositivi digitali.

In un editor di testo premendo il tasto ALT + il numero del codice ASCII, apparirà il carattere corrispondente, funziona soltanto in una tastiera che possiede la tastiera numerica.

I virus informatici sono programmi che si introducono in un computer, senza che l'utente lo sappia, per eseguire azioni non desiderate.

Queste azioni sono:

  • Accedere ad un programma.
  • Mostrare messaggi o immagini, generalmente molesti.
  • Rallentare o bloccare il computer.
  • Eliminare le informazioni salvate.
  • Ridurre lo spazio sul disco.
  • Furto di dati: password, nomi utente, e altri tipi di dati personali.

I tipi di virus informatici che esistono sono:

  • Vermi: raccolgono informazioni e password, per inviarle ad altri.
  • Bombe logiche o di tempo: che si attivano quando accade qualcosa in particolare, come ad esempio una data.
  • Troyanos: fa che i computer vadano più lenti.
  • Virus falsi: informazioni false.

Questi virus si possono evitare:

  • Facendo copie di sicurezza.
  • Copie di programmi originali.
  • Rifiuto di copie di dubbia origine.
  • Uso di password.
  • Uso di antivirus.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Template:Cita DLE
  2. ^ "Informática, información, y comunicación", en 'Documentación Social: Revista de Estudios Sociales y de Tecnología Aplicada', n° 108, julio-septiembre 1999 (consultar texto en línea pp. 76-82)
  3. ^ Diego Dikygs, Tratamiento (Automático) de la Información, sitio digital 'Nociones de Informática', 12 de abril de 2011.
  4. ^ Historia de la Computación, sitio digital 'Monografías'.
  5. ^ Patricio Villalva, ¿Qué es la Informática?, sitio digital 'Informática avanzada'.
Informatica Portale Informatica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di informatica