Inflazione (cosmologia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Universo
Big bang manifold (it).png
Struttura a grande scala dell'universo
Singolarità gravitazionale
Inflazione cosmica
Varianza cosmica
Universo di de Sitter
Teorie della nascita dell'universo
Big Bang
Modello Lambda-CDM o modello standard dell'universo
Cronologia del Big Bang
Nucleosintesi primordiale
Buco nero primordiale
Cosmologia quantistica
(oltre il modello standard del Big Bang)
Stato di Hartle-Hawking
Cosmologia ciclica conforme
Inflazione caotica
Universo ecpirotico
Selezione naturale cosmologica
Teorie sul destino dell'universo
Destino ultimo dell'universo
Big Crunch
Big Bounce
Morte termica dell'Universo
Universo oscillante
Big Rip
Cosmologia ciclica conforme
Inflazione caotica
Cosmologia e Astrofisica
Formazione ed evoluzione delle galassie
Popolazioni stellari
Radiazione cosmica di fondo
Cosmologia non standard
Selezione naturale cosmologica
Universo ecpirotico o Big Splat
Cosmologia al plasma
Cosmologia di stringa
Sistema reciproco di teoria
Teoria dello stato stazionario
Cosmologia ciclica conforme
Teoria dello stato quasi-stazionario
Universo statico
Ylem
Astronomia
Storia dell'astronomia
Cronologia della radiazione cosmica di fondo
Massive compact halo object
Nana rossa
Forma dell'universo
Stella
Buco nero supermassiccio
Universo
Creazione (teologia)
Mito della creazione
Creazionismo
Stime della data della creazione
Argomenti di fisica correlati
Freccia del tempo
Distanza comovente
Effetto Compton
Energia oscura
Inflazione cosmica
Inflazione eterna
Quintessenza
Materia oscura
Materia oscura fredda
Materia oscura calda
Legge di Hubble
Effetto integrato di Sachs Wolfe
Monopolo magnetico
Multiverso
Paradosso di Olbers
Transizione di fase
Gravità quantistica
Spostamento verso il rosso
Teoria del tutto
Teoria M
Teoria delle stringhe
Processo triplo alfa
Postulato di Weyl
Scienziati

In cosmologia l'inflazione è una teoria che ipotizza che l'universo, poco dopo il Big bang, abbia attraversato una fase di espansione estremamente rapida, dovuta a una grande pressione negativa generata dall'energia di un ipotetico campo quantistico, chiamato inflatone.

La teoria è stata proposta inizialmente da Alexei Starobinski[1][2] in Unione Sovietica e contemporaneamente da Alan Guth[3][4] negli Stati Uniti d'America.

Il nome è la traduzione dell'inglese inflation, che, contrariamente al vocabolo italiano, ha conservato anche l'originario significato di "gonfiaggio", derivato dal latino inflatio.

L'ipotesi dell'inflazione applicata alla teoria del Big Bang[modifica | modifica wikitesto]

La nascita dell'universo inflazionario

L'espansione inflazionistica può essere introdotta nei modelli attraverso una costante cosmologica non nulla, e a differenza del modello tradizionale della teoria del Big Bang, che prevede un'espansione convenzionale decelerante nel tempo, avrebbe allontanato due oggetti ad un ritmo sempre più rapido fino a superare la barriera della velocità della luce.[5] Una conseguenza diretta è che tutto l'universo si sarebbe sviluppato da una regione causalmente connessa, cioè così piccola che la luce ha potuto attraversarla interamente nel brevissimo tempo intercorso fra la sua "nascita" e l'inizio della fase inflazionaria, giustificando l'omogeneità attualmente osservabile, ad esempio di temperatura e densità.

Le fluttuazioni quantistiche all'interno della regione microscopica ingrandita dall'inflazione a dimensioni cosmiche sarebbero all'origine di piccole disomogeneità gravitazionalmente instabili, cresciute fino a dare origine a strutture come le galassie, gli ammassi di galassie ecc. (vedi anche formazione delle galassie).

L'ipotesi dell'inflazione cosmica risolve diversi rilevanti problemi concettuali o paradossi che affliggevano la teoria standard del Big Bang. Fra questi, il problema della piattezza dell'Universo (cioè il fatto che l'Universo sembra essere ottimamente descritto da una geometria con curvatura esattamente pari a 0), la sua straordinaria omogeneità su scale così ampie da non essere causalmente connesse, come detto sopra (problema dell'orizzonte), e l'assenza di difetti topologici osservati (ad esempio di monopoli magnetici), che invece sarebbero previsti da molte teorie di grande unificazione.

Curvatura dello spazio-tempo tendente a zero[modifica | modifica wikitesto]

Il modello standard di inflazione prevede che l'Universo sia quasi piatto (la curvatura potrebbe non essere 0, ma la differenza sarebbe trascurabile nella pratica) e l'invarianza di scala delle fluttuazioni della radiazione cosmica di fondo. Ci sono anche predizioni riguardo alla fisica delle particelle vicino alle energie di Grande Unificazione. Negli anni ottanta ci sono stati numerosi tentativi di correlare il campo che genera l'energia del vuoto che causa l'inflazione con campi specifici previsti dalle teorie di Grande Unificazione, o viceversa di usare l'osservazione dell'Universo come un vincolo per queste teorie. Questi sforzi sono stati infruttuosi e la natura esatta del campo che ha dato il via all'inflazione e delle sua particella (l'inflatone), resta una teoria senza alcuna base scientificamente dimostrabile. Inoltre, nel modello inflazionario si postula l'esistenza di infiniti universi (compreso il nostro), come fossero delle bolle, separati da immensi spazi vuoti, ma tale teoria non sarà mai dimostrabile, in quanto appunto tratta di cose che sarebbero al di fuori del nostro universo, per cui la veridicità di tali supposizioni resterà sempre un mistero.

Inflazione e curvatura[modifica | modifica wikitesto]

Secondo le teorie più accreditate è l'inflatone a stirare lo spazio grazie alla creazione di una forza antigravitazionale. Quindi, in base al modello inflazionario, la piattezza dell'universo, a scapito di una geometria chiusa o aperta, è strettamente collegata all'uniformità del cosmo. Il modello inflazionistico però ha evidenziato qualche limite dopo le osservazioni svolte negli ultimi anni delle supernove e degli ammassi di galassie, che hanno indotto gli astronomi a optare per l'ipotesi di un universo curvo e aperto.
È stato un compito fondamentale degli studiosi, dalla fine degli anni novanta in poi, la ricerca di spiegazioni alternative che in qualche modo non intaccassero il modello inflazionario; per fare ciò è stata formulata l'ipotesi, che esista un'energia aggiuntiva che curverebbe lo spazio indipendentemente dal modello preso in esame.[5]

L'universo a bolle[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Inflazione eterna, Inflazione caotica e Multiverso.

Secondo alcuni modelli inflazionari, il nostro universo sarebbe solo una delle possibili bolle che si sono sviluppate dal decadimento di uno stato metastabile originario.

Osservazioni sperimentali[modifica | modifica wikitesto]

2006: esperimenti BOOMERanG e WMAP[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Esperimento BOOMERanG e WMAP.

Recentemente (2006), le misure di anisotropia della radiazione di fondo cosmico da parte di esperimenti su pallone stratosferico come BOOMERanG e da satellite come WMAP hanno prodotto dati in eccellente accordo con le predizioni teoriche dell'inflazione[6][7]. L'inflazione da ipotesi speculativa è dunque diventata un modello teorico falsificabile.

2009-13: satellite Planck[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Planck Surveyor.

Nel 2014 si attendono nuovi risultati[8] da ricerche sui dati raccolti dal satellite Planck nel suo periodo di operatività (2009-13) che potrebbero gettare nuova luce sulle teorie inflazionarie[9][10].

2014: collaborazione BICEP2[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: BICEP.

Il 17 marzo 2014 è stato annunciato il risultato di una ricerca (collaborazione BICEP2), condotta dell'Harvard CMB Group con il radiotelescopio installato presso la base Amundsen-Scott al polo sud, che mostrerebbe le prime evidenze sperimentali dirette dell'Inflazione cosmica[11][12].

Tale risultato è stato confutato da un nuovo studio proposto per la pubblicazione sulla rivista "Physical Review Letters"[8][13].

Critiche alla teoria dell'Inflazione[modifica | modifica wikitesto]

Paul Steinhardt, uno dei fondatori[14] della teoria dell'inflazione, negli ultimi anni è diventato molto critico verso di essa.[15][16]Inizialmente, di fronte alla conferma dell'inflazione con i dati di BICEP2, ha abbandonato la sua teoria dell'universo ecpirotico per rivedere la sua posizione sul modello inflazionario, ma poco tempo dopo è ritornato scettico su quest'ultimo.[17]

I critici lamentano anche la mancanza di falsificabilità, che renderebbe la teoria non scientifica.[18]

Sir Roger Penrose, proponente un tempo del Big Bang classico e oggi di una teoria denominata cosmologia ciclica conforme (CCC) afferma che, di fronte ai propri risultati teorici e alle osservazioni successive (che invece, secondo molti, confermerebbero l'inflazione), le teorie maggioritarie tra i fisici non sono secondo lui verificate: in particolare la teoria inflazionistica - da lui sempre criticata - è definita una «fantasia», mentre la teoria delle stringhe è liquidata come fenomeno di «moda» e una «fede»[19], su cui i fisici insisterebbero erroneamente come scorciatoie che vanno contro la relatività generale, come già fecero con la supersimmetria o le molte interpretazioni iniziali della relatività, finché Einstein sistemò la teoria con i suoi calcoli, dove tutti gli altri fallirono.[20]

Ad esempio, secondo i critici, non si potrebbe vedere un lampo di luce del presunto Big Bang, se la velocità della luce non fosse in ogni caso superiore a quella delle galassie in allontanamento, mentre l'inflazione sostiene che l'espansione fu più veloce della luce, ma allo stesso tempo noi vedremmo le tracce di quella luce primordiale; nella CCC non ci sarebbero queste contraddizioni.[21][20][22]

Inoltre i risultati di BICEP2 sembrano in conflitto con quelli raccolti successivamente da Planck Surveyor.[23]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Pisma Zh. Eksp. Teor. Fiz. 30, 719 (1979)
  2. ^ A. A. Starobinski, A New Type of Isotropic Cosmological Models Without Singularity in Physics Letters, B91, 24 marzo 1980, pp. 99–102.
  3. ^ SLAC seminario, 10-35 seconds after the Big Bang, 23rd January, 1980. see Guth (1997), pg 186
  4. ^ A. H. Guth, The Inflationary Universe: A Possible Solution to the Horizon and Flatness Problems, Phys. Rev. D 23, 347 (1981).
  5. ^ a b Martin A.Bucher e David N.Sperger, L'inflazione ad un universo a bassa densità, "Le Scienze", num. 367, pag. 54-61
  6. ^ A measurement of Omega from the North American test flight of BOOMERANG. URL consultato il 24 gennaio 2009.
  7. ^ A Flat Universe from High-Resolution Maps of the Cosmic Microwave Background Radiation. URL consultato il 24 gennaio 2009.
  8. ^ a b Media INAF: Inflazione: c'è la prova|accesso=19 marzo 2014
  9. ^ Obiettivi chiave del satellite Planck. URL consultato il 18 marzo 2014.
  10. ^ Another piece of the puzzle about the origin of the cosmos is now being analysed. URL consultato il 18 marzo 2014.
  11. ^ First Direct Evidence of Cosmic Inflation. URL consultato il 18 marzo 2014.
  12. ^ BICEP2 II: EXPERIMENT AND THREE-YEAR DATA SET. URL consultato il 18 marzo 2014.
  13. ^ Le Scienze, Onde gravitazionali, l'errore di BICEP2 è ufficiale, 02/02/2015.
  14. ^ Inflationary Cosmology
  15. ^ Theories of Anything - P. Steinhardt
  16. ^ The Inflation Debate: Is the theory at the heart of modern cosmology deeply flawed?
  17. ^ Inflazione dell'universo, cresce il partito degli scettici
  18. ^ Altro che inflazione! Le obiezioni di uno scettico
  19. ^ Sir Roger Penrose: Cosmic Inflation is "fantasy"
  20. ^ a b Cercando un altro Einstein
  21. ^ Damiano Anselmi, L'involuzione del pensiero scientifico
  22. ^ Cosmic inflation has its flaws, but so do its critics
  23. ^ Risultati BICEP2 Sull'Inflazione e Onde Gravitazionali Potrebbero Essere Errati?

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Livello avanzato