Infermieristica bellica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'infermieristica bellica è una specialità delle scienze infermieristiche. È una delle più antiche professioni sanitarie.

Definizione[modifica | modifica wikitesto]

L'infermieristica operata in teatro bellico si propone di curare, in prevalenza, i militari che potevano essere ancora d'interesse operativo, selezionandoli mediante il triage bellico. È definito in Italia dal D.M. 739/1994.[1]

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Durante il medioevo era consuetudine l'utilizzo di uno stiletto, chiamato Misericordia, proprio per dare il colpo di grazia nei confronti del combattente ancora agonizzante e oramai non più recuperabile. I militari che avevano riportato danni o patologie minori erano quelli che operativamente sono recuperabili. Famose le memorie del medico di Napoleone, il chirurgo capo dell'armata francese, Jean Dominique Larrey, che organizzò i primi soccorsi ai soldati feriti nel campo di battaglia.[2] La prima guerra mondiale fu una tappa significativa nell'evoluzione dell'infermieristica bellica, con la nascita delle infermiere volontarie [3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]