Indya Moore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Indya Moore
Indya Moore.png
Altezza173 cm
Occhimarroni
Capellicastani

Indya Adrianna Moore (Bronx, 17 gennaio 1995) è una modella e attrice statunitense. Nota per il ruolo di Angel Evangelista nella serie televisiva di FX Pose, Moore è transessuale, di genere non-binario.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nativa del Bronx, da madre portoricana e padre dei Caraibi, lascia la propria famiglia all'età di 14 anni per transfobia e viene affidata a diverse famiglie affidatarie a New York. Lascia la scuola a causa del bullismo ricevuto e conseguirà il GED.[1][2]

Inizia la carriera da modella a 15 anni, nonostante l'industria della moda pensasse fosse una scelta rischiosa.[3]

Nel 2017 Moore prese parte al film indipendente Saturday Church, promosso al Tribeca Film Festival, dietro sollecitazione del coreografo Jose Gutierez Xtravaganza, ballerino in Vogue di Madonna e attivo nella ball culture newyorkese. Nello stesso anno, venne chiamata da Ryan Murphy a prendere parte alla serie televisiva Pose, che racconta l'ambiente delle ballroom alla fine degli anni Ottanta a New York, trasmessa sul canale FX dal 2018.

Nel 2019 è la prima transgender a posare sulla copertina della rivista Elle[4], è apparsa inoltre anche su Teen Vogue, L'Officiel e W Korea. È stata tra i volti della campagna pre-autunnale di Louis Vuitton[5], scelta da Nicolas Ghesquière[6], è stata inserita dalla rivista Time nella lista delle 100 personalità più influenti del 2019.[7]. Viene scelta, inoltre, per prendere parte all'edizione 2020 del Calendario Pirelli, immortalata da Paolo Roversi.[8]

Vita Privata[modifica | modifica wikitesto]

Moore è transgender e ha apertamente parlato dei suoi problemi nel passato con il bullismo e la transfobia, che li hanno costretti a lasciare casa all'età di 14 anni e abbandonare la scuola. Moore si identifica nel genere non-binario ed è solita utilizzare il pronome loro al posto del lei e/o lui.

Nel dicembre 2018, Moore fece coming out come poliamorista.

In un'intervista con la co-star di Pose, MJ Rodriguez, Moore parlò di come, sebbene identificandosi nel genere non-binario, essere vista come donna significa per lei anche essere soggetta alla stessa "sorveglianza e scrutinio" delle donne, non nascondendo però il suo desiderio di usare la moda come mezzo per riprendersi quel potere:

«Moore: mi sento così riguardo alla moda. Mi sento così riguardo la mia autonomia nell'esprimermi. Sono non-binary, ma non ne parlo spesso. Non penso che le persone siano ancora pronte a capire, cosa che non mi dà fastidio, ma riconosco come posso essere percepita come una donna. E proprio perché sono vista come una donna, bisessuale o che si presenta come non-binaria, le persone mi giudicheranno sotto gli stessi standard con cui vengono giudicate tutte le donne.

Rodriguez: sotto cui stai dicendo non dovresti essere giudicata, giusto?

Moore: sotto cui sto dicendo nessuna donna dovrebbe giudicata.»

(Moore in un'intervista[9])

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

  • Pose – serie TV, 18 episodi (2018–in corso)

Videoclip[modifica | modifica wikitesto]

Agenzie[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrici italiane[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Christian Gollayan, This once-bullied trans actress is now the star of ‘Pose’, New York Post, 31 maggio 2018. URL consultato il 10 agosto 2019.
  2. ^ (EN) Madi Skahill, Indya Moore on her acting career and how she found her way to FX’s ‘Pose’, Los Angeles Times, 30 luglio 2018. URL consultato il 10 agosto 2019.
  3. ^ (EN) Madi Skahill, Inside the Breakout of Indya Moore, WWD, 27 luglio 2018. URL consultato il 10 agosto 2019.
  4. ^ (EN) Mikelle Street, Indya Moore Makes History As First Trans Person to Cover Elle US, Out, 9 maggio 2019. URL consultato il 10 agosto 2019.
  5. ^ (EN) Louis Vuitton Pre-Fall 2019 Collection by Nicolas Ghesquière, su youtube.com, 21 maggio 2019. URL consultato il 10 agosto 2019.
  6. ^ Manuel Campagna, Ecco chi è Indya Moore, la nuova musa e testimonial di Louis Vuitton, Amica, 8 marzo 2019. URL consultato il 10 agosto 2019.
  7. ^ (EN) Janet Mock, Indya Moore Is on the 2019 TIME 100 List, Time. URL consultato il 10 agosto 2019.
  8. ^ (EN) Emma Elizabeth Davidson, Rosalia, Indya Moore, and Kristen Stewart star in the 2020 Pirelli Calendar, Dazed & Confused, 3 agosto 2019. URL consultato il 10 agosto 2019.
  9. ^ (EN) Pose stars Indya Moore and Mj Rodriguez On LGBTQIA+ Rights and Hope, su www.lofficielusa.com. URL consultato il 1º settembre 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]