Indocina (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Indocina
Indocina.png
Titolo originale Indochine
Paese di produzione Francia
Anno 1992
Durata 159 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere drammatico, sentimentale
Regia Régis Wargnier
Sceneggiatura Érik Orsenna,
Louis Gardel
Produttore Eric Heumann,
Jean Labadie
Produttore esecutivo Alain Belmondo,
Gerard Crosnier
Fotografia François Catonné
Montaggio Agnès Shwab,
Geneviève Winding
Effetti speciali Philippe Hubin
Musiche Patrick Doyle
Scenografia Jacques Bufnoir
Costumi Pierre-Yves Gayraud,
Gabriella Pescucci
Trucco Cedric Gerard,
Hervé Soulie
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Indocina è un film del 1992 diretto da Régis Wargnier e interpretato da Catherine Deneuve e Vincent Perez. La pellicola ha ricevuto numerosi premi tra cui l'Oscar e il Golden Globe come miglior film straniero e il César alla miglior attrice protagonista.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il film è ambientato durante la lotta per l'indipendenza dell'Indocina francese tra gli Anni Venti e gli Anni Cinquanta attraverso due storie d'amore. La prima lega Eliane, ricca possidente francese e Jean Baptiste, tenente della Marina francese, la seconda lo stesso tenente con Camille, giovane principessa vietnamita e figlia adottiva di Eliane che lotta per l'indipendenza del suo Paese. Durante una ribellione di contadini, Camille uccide un ufficiale francese e, per questo, deve darsi alla clandestinità insieme a Jean-Baptiste, che per lei diserta. Dopo un periodo trascorso in un nascondiglio all'interno della Baia di Halong, durante il quale nasce il figlio Ėtienne, la coppia deve allontanarsi e viene accolta in una compagnia di attori di strada, che sono in realtà militanti del partito comunista vietnamita. L'epilogo è tragico, poiché Jean Baptiste viene catturato dall'esercito a pochi passi dal confine con la Cina e finirà con un suicidio inscenato dagli stessi comunisti o forse dall'esercito francese. Camille, catturata anche lei dopo pochi mesi, trascorrerà cinque anni in prigione e verrà liberata solo alla fine della dominazione francese. Dopo l'indipendenza, diventerà un personaggio politico importante per la creazione del nuovo Stato vietnamita, ma non rivedrà più il figlio Ėtienne che, nel frattempo, è stato fortunosamente salvato e restituito alle cure della nonna adottiva Eliane, che proprio a un Ėtienne ormai adulto racconta le vicende che hanno portato alla sua nascita e alla fine della colonizzazione francese in Indocina. È comunque un film nostalgico sull'epoca del colonialismo francese[1]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ k Ray,Yu-Mei, Vietnam, EDT

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema