Individual Thought Patterns

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Individual Thought Patterns
ArtistaDeath
Tipo albumStudio
Pubblicazione22 giugno 1993
Durata40:00
Dischi1
Tracce10
GenereTechnical death metal
Progressive death metal
EtichettaCombat Records
ProduttoreScott Burns
Registrazione1992-1993
Death - cronologia
Album precedente
(1992)
Album successivo
(1995)

Individual Thought Patterns è il quinto album, pubblicato il 22 giugno 1993, del gruppo musicale Death.

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

A livello stilistico, il disco continua ed espande il lato tecnico e progressivo che cominciò con Human, è considerato dalla critica come uno dei capolavori dei Death, ed è stato il loro disco più venduto.

All'interno del disco sono accreditati due chitarristi. Quello nel booklet è Ralph Santolla, che suonò nel tour dell'album, mentre quello presente nell'immagine inserita nella custodia del disco è Andy LaRocque, che registrò i brani in studio

Nonostante si fosse presentato alle registrazioni poco preparato, Andy LaRocque, secondo Steve DiGiorgio, in sala registrazione aveva fatto infuriare il produttore Scott Burns, che aveva poco gradito la scelta del chitarrista dei King Diamond di presentarsi in sala registrazione senza preparare alcuna parte.[1] Ma Andy LaRocque stupirà tutti improvvisando le sue parti di chitarra all'istante, riuscendo a suonare e risuonare la stessa parte improvvisata[2].

Gene Hoglan dichiarerà in seguito che, dopo aver registrato le parti di batteria, ricevette un gesto di approvazione da parte di Schuldiner, che fece il segno delle corna.[3]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Testi e musiche di Chuck Schuldiner.

  1. Overactive Imagination – 3:28
  2. In Human Form – 3:55
  3. Jealousy – 3:39
  4. Trapped in a Corner – 4:11
  5. Nothing Is Everything – 3:16
  6. Mentally Blind – 4:45
  7. Individual Thought Patterns – 4:00
  8. Destiny – 4:04
  9. Out of Touch – 4:19
  10. The Philosopher – 4:10

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Metal Portale Metal: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Metal