Incidente dello stretto di Kerč' del 2018

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Incidente dello stretto di Kerč'
parte della crisi della Crimea del 2014 e Intervento militare russo in Crimea
Martial Law in Ukraine (2018).svg
Regioni dove è imposta la Legge Marziale
Data25 novembre 2018
LuogoStretto di Kerč'
Esito
Schieramenti
Effettivi
  • 2 cannoniere
  • 1 rimorchiatore
  • Perdite
    2 navi leggermente danneggiare
    • 24 marinai catturati
    • 3 feriti
    • 3 navi catturate, due dei quali danneggiate gravemente
    Voci di crisi presenti su Wikipedia

    L'incidente dello stretto di Kerč' è un incidente internazionale verificatosi il 25 novembre 2018: unità navali dell'FSB e della Guardia di frontiera russa aprirono il fuoco e catturarono tre navi della Marina militare ucraina che tentavano di passare dal Mar Nero al Mar d'Azov tramite lo stretto di Kerč' dirette al porto di Mariupol'[1].

    Durante l'incidente il ponte di Crimea è stato usato come barriera per bloccare l'ingresso di ulteriori navi nello stretto.

    Secondo la Russia, le tre navi erano entrate illegalmente nelle sue acque territoriali, e dopo ripetuti ordini di abbandonare la zona le forze speciali russe aprirono il fuoco[2] contro le navi che non hanno rispettato l'ordine. Dopo un lungo inseguimento le navi ucraine furono catturate dai militari russi; durante lo scontro rimasero feriti tre marinai ucraini, ed altri 24 furono catturati dai russi.

    Il giorno seguente il governo ucraino, con il supporto del parlamento, impose la legge marziale lungo tutto il confine e le coste del paese[3].

    Antefatti[modifica | modifica wikitesto]

    Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Guerra russo-ucraina e Crisi della Crimea del 2014.

    Eventi[modifica | modifica wikitesto]

    L'incidente[modifica | modifica wikitesto]

    L'incidente ebbe inizio la mattina del 25 novembre, quando le 3 navi ucraine (le due cannoniere Berdiansk e Nikopol della classe Gyurza-M e il rimorchiatore Yany Kapu) tentarono di attraversare il Mar Nero per dirigersi al porto di Mariupol'.

    Mentre attraversarono lo stretto, la Guardia Costiera russa accusò le navi ucraine di essere entrate nelle acque territoriali russe, e gli ordinò di abbandonarle. Quando le navi ucraine si rifiutarono di abbandonare le acque, la Marina militare russa tentò di intercettarle, speronando intenzionalmente il rimorchiatore Yany Kapu. Le altre due navi continuarono a navigare verso il Ponte di Crimea, ma furono fermate da una petroliera posizionata sotto il ponte che ne bloccò il passaggio. Nello stesso momento due jet e un elicottero russi risposero allo scramble. I militari russi aprirono il fuoco contro le navi ucraine che tentarono di fuggire dirigendosi verso Odessa, ma furono catturati a 23 Km dalle coste della Crimea, in acque internazionali.

    Reazioni[modifica | modifica wikitesto]

    Il 26 novembre, giorno dopo l'incidente, il Parlamento Ucraino impose la legge marziale[4] nelle regioni costiere e confinanti con la Russia. 276 membri del parlamento hanno votato a favore della misura che entrò in vigore il 28 novembre e che durò fino al 26 dicembre.

    Il 30 novembre l'Ucraina bloccò l'ingresso nel paese a tutti i cittadini russi tra i 16 ed i 60 anni per tutta la durata della legge marziale, dichiarando questa misura necessaria per la sicurezza nazionale[5].

    Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

    Note[modifica | modifica wikitesto]

    Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]