InSight

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
InSight
Emblema missione
InSight Mission Logo.svg
Immagine del veicolo
Artist's Concept of the InSight Lander.jpg
Rappresentazione artistica della sonda InSight sulla superficie di Marte
Dati della missione
OperatoreStati Uniti NASA
NSSDC ID2018-042A
SCN43457
DestinazioneMarte
VettoreAtlas V 401
Lancio5 maggio 2018[1]
Luogo lancioVandenberg SFB Space Launch Complex 3 East
Atterraggio26 novembre 2018
Sito atterraggioElysium Planitia
DurataDue anni
Proprietà del veicolo spaziale
Peso al lancio694 kg
Peso al rientro348 kg
CostruttoreLockheed Martin Space Systems
Strumentazione
  • un sismografo (SEIS)
  • un sensore termico (HP3)
  • esperimento con il sistema di comunicazione (RISE)
  • due fotocamere
Sito ufficiale
Programma Discovery
Missione precedenteMissione successiva
GRAIL Lucy

InSight, acronimo di Interior Exploration using Seismic Investigations, Geodesy and Heat Transport, è una missione spaziale per l'esplorazione di Marte sviluppata dalla NASA, il cui lancio era previsto per il marzo 2016[2] e che è stato rinviato al 5 maggio 2018 alle ore 11:05 UTC[1][3] per problemi riscontrati nel sismometro di cui è dotata la sonda. Il lander è atterrato sulla superficie di Marte, più precisamente nella regione vulcanica di Elysium Planitia, alle ore 19:52:59 UTC circa del 26 novembre 2018.[4]

La missione includeva la dislocazione di un sismometro e un sensore termico, che avrebbe potuto raggiungere una profondità di 5 metri al di sotto della superficie. Obiettivo della missione è investigare sulla struttura interna di Marte allo scopo di ricavare degli indizi sulle fasi più remote della formazione dei pianeti terrestri nella più ampia formazione del sistema solare.

Nella costruzione della sonda sono state riutilizzate soluzioni tecnologiche sviluppate per il Phoenix Mars Lander della NASA.

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Schema del lander

InSight è una delle tre proposte di missione selezionate nell'ambito del Programma Discovery nel maggio del 2011 per procedere verso la fase di studio concettuale dettagliato, per la quale è stato assegnato un finanziamento di 3 milioni di dollari.[5] Le altre due missioni selezionate sono state Titan Mare Explorer e Comet Hopper. Nell'agosto del 2012, InSight è stata selezionata per procedere verso la fase di sviluppo e lancio, previsto per il 2016.[2][6]

Sviluppata dal Jet Propulsion Laboratory (JPL) per la NASA, con la collaborazione di istituzioni scientifiche europee e giapponesi, la missione potrebbe raggiungere un costo di 425 milioni di dollari, importo da cui è escluso il costo del lancio.[7]

InSight era inizialmente nota come GEMS (Geophysical Monitoring Station), ma le è stato cambiato nome su richiesta della NASA.[8]

Selfie del lander ricavato combinando 14 immagini
Rinvio del lancio

Il 22 dicembre 2015 in un comunicato[9] la NASA annuncia la decisione di rimandare il lancio alla finestra di lancio successiva (maggio 2018) per via di un problema ad una saldatura dello strumento SEIS (Seismic Experiment for Interior Structure): un sismografo di produzione francese in grado di rilevare movimenti del suolo dell'ordine di un diametro atomico.

Lo strumento ha bisogno che i suoi tre sensori si trovino in una situazione di vuoto quasi perfetto. La camera a vuoto è stata prodotta dalla Sodern, per conto del CNES. Tuttavia, alcune verifiche condotte nel dicembre del 2015 hanno indicato che il sigillante avrebbe perso funzionalità alle temperature marziane. Non è stato però possibile risolvere il problema in tempo utile per procedere con il lancio.[10]

La sonda è tornata negli stabilimenti della Lockheed di Denver per le dovute riparazioni; li ha atteso la nuova finestra di lancio.[11]

Nel marzo del 2015, la NASA ha assegnato al JPL la realizzazione di un nuovo sismometro ed indicato una nuova data di lancio nel 5 maggio 2018,[1] effettuato in seguito con successo. Un ulteriore rinvio avrebbe potuto costare 150 milioni di dollari ed impedire la selezione di due missioni nell'ambito del Programma Discovery.[12][13]

Obiettivi[modifica | modifica wikitesto]

La missione ha previsto l'atterraggio di un lander sulla superficie di Marte, precisamente sull'Elysium Planitia, una vasta regione vulcanica in prossimità dell'equatore[3]. L'atterraggio è avvenuto il 26 novembre 2018 alle 19:54 UTC.[14] Suo obiettivo primario raccogliere indizi sulla storia evolutiva più remota dei pianeti terrestri del sistema solare, conducendo uno studio approfondito sulla struttura interna di Marte e sui processi che hanno contribuito alla sua formazione.[15] La sonda è alimentata da pannelli fotovoltaici per l'approvvigionamento elettrico della strumentazione scientifica.

In particolare, rilevare l'attività sismica eventualmente presente sul pianeta, il flusso termico proveniente dal suo interno, le dimensioni del suo nucleo e il suo stato - liquido o solido.[16] Obiettivo secondario della missione è condurre uno studio sulla geofisica, l'attività tettonica e sugli impatti di meteoriti su Marte, dati che potrebbero fornire indicazioni utili anche per la comprensione degli stessi fenomeni sulla Terra.

In origine prevista una durata della missione di due anni (pari ad un anno marziano),[14] a inizio 2021 è stata estesa di ulteriori due anni, sino a dicembre 2022.[17]

Panoramica del suolo marziano

Strumentazione scientifica[modifica | modifica wikitesto]

Spaccato del sismografo

La sonda è dotata di due strumenti principali:

I sensori di vento e di temperatura, insieme ad un sensore di pressione ad alta risoluzione (10 mPa) fornito dal Centro de Astrobiología spagnolo monitorano le condizioni atmosferiche del sito di atterraggio, mentre un magnetometro misura i disturbi causati dalla ionosfera marziana.

Il sistema di comunicazione in banda X della sonda è utilizzato inoltre per condurre il Rotation and Interior Structure Experiment (RISE): attraverso l'accurata determinazione della posizione della sonda vengono ottenute misurazioni più accurate del periodo di rotazione del pianeta e sulla sua struttura.

Strumento LaRRI

La sonda interplanetaria, ha viaggiato per oltre sei mesi per raggiungere Marte orientandosi grazie al sensore stellare Star Tracker, prodotto in Italia come lo strumento LaRRI, un microriflettore, che ha come compito quello di fornire la posizione accurata del lander una volta atterrato sul pianeta rosso.[18]

Infine, la sonda è stata dotata di due fotocamere in bianco e nero con un campo rispettivamente di 45° e di 120°, che vengono utilizzate per agevolare il posizionamento degli strumenti.[19]

Missione[modifica | modifica wikitesto]

Il 26 novembre 2018 la sonda è atterrata a Elysium Planitia fornendo la telemetria ai due CubeSat sperimentali Mars Cube One; nel complesso la manovra di atterraggio, dall'entrata nell'atmosfera di Marte al contatto con la superficie è durata solo 6 minuti e mezzo. Non è stato rilevato nessun problema durante questa fase e già dopo mezz'ora aveva dispiegato i pannelli solari e iniziato alcuni test.[20]

Mars InSight Lander – autoscatti
Primo (11 dicembre 2018)
Secondo (11 aprile 2019)
Ultimi tentativi per l'interramento dello strumento HP (9 gennaio 2021)

Un mese dopo, a dicembre 2018, lo strumento sismico era già posizionato e operativo.[21] Nell'aprile del 2019 la NASA ha comunicato di aver rilevato il primo terremoto marziano (anche detto, martemoto).[22]

L'altro strumento principale, HP3, programmato per marzo 2019, ha avuto delle difficoltà a raggiungere la posizione corretta al di sotto della superficie, in quanto il terreno era in superficie di natura molto più morbida di quella prevista e ha impedito al martelletto perforatore di operare completamente.[23] Dopo ripetuti tentativi di ripristinare il corretto funzionamento della talpa, un battipalo lungo 16 pollici (40 centimetri) collegato al lander da un cavo con sensori di temperatura incorporati, a gennaio 2021 il gruppo responsabile dello strumento ne ha dichiarato la fine operativa.[24]

Il 14 aprile 2021 InSight è entrato in modalità di ibernazione d'emergenza in quanto i suoi pannelli solari erano coperti di polvere marziana tale per cui non permettevano un quantitativo d'energia elettrica per l'utilizzo dei sensori del lander.[25] A giugno 2021, per rimediare, il braccio robotico ha fatto cadere del terriccio marziano su di un pannello, aiutando così il vento a portare via un po' della polvere depositata. Questo ha consentito di guadagnare circa 30 Wh al giorno e di ritardare per qualche settimana lo spegnimento di alcuni strumenti.[26]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Schema dell'HP3

La NASA ha proposto un'iniziativa mediatica che ha coinvolto il pubblico appassionato: la sonda è stata dotata di due microchip con incisi i nomi di circa 2,4 milioni di persone partecipanti[27]: tramite la compilazione di un form è stato possibile far aggiungere il proprio nome ricevendo una sorta di carta di imbarco con lo stemma ufficiale della missione.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) NASA Targets May 2018 Launch of Mars InSight Mission, su jpl.nasa.gov, JPL, NASA, 9 marzo 2016. URL consultato il 10 marzo 2016 (archiviato il 1º dicembre 2017).
  2. ^ a b c (EN) Brian Vastag, NASA will send robot drill to Mars in 2016, su washingtonpost.com, The Washington Post, 20 agosto 2012. URL consultato il 21 agosto 2012 (archiviato il 27 marzo 2018).
  3. ^ a b Eleonora Ferroni, Insight, si parte: verso le profondità di Marte, su media.inaf.it, 4 maggio 2018. URL consultato il 4 maggio 2018 (archiviato il 5 maggio 2018).
  4. ^ InSight è su Marte - Il Post, in il Post, 26 novembre 2018. URL consultato il 27 novembre 2018 (archiviato il 28 novembre 2018).
  5. ^ NASA Selects Investigations For Future Key Planetary Mission, su nasa.gov, NASA, 5 maggio 2011. URL consultato il 21 agosto 2012 (archiviato il 3 novembre 2012).
  6. ^ (EN) New NASA Mission to Take First Look Deep Inside Mars, su nasa.gov, NASA, 20 agosto 2012. URL consultato il 21 agosto 2012 (archiviato il 22 agosto 2012).
  7. ^ (EN) Kate Taylor, NASA picks project shortlist for next Discovery mission, su tgdaily.com, TG Daily, 9 maggio 2011. URL consultato il 21 agosto 2012 (archiviato il 12 ottobre 2012).
  8. ^ JPL changes name of Mars mission proposal - Glendale NewsPress, su glendalenewspress.com. URL consultato il 21 agosto 2012 (archiviato il 20 dicembre 2013).
  9. ^ Karen Northon, NASA Suspends 2016 InSight Mission Launch, su NASA. URL consultato il 23 dicembre 2015 (archiviato il 24 dicembre 2015).
  10. ^ (EN) Devin Powell, NASA Mars woes could delay other planetary missions, in Nature, vol. 531, n. 289, 11 marzo 2016, DOI:10.1038/nature.2016.19549. URL consultato il 22 marzo 2016 (archiviato il 21 marzo 2016).
  11. ^ Paolo Actis, INSIGHT non partira' a marzo 2016, in AstronautiNEWS, 23 dicembre 2015. URL consultato il 6 marzo 2019 (archiviato il 4 marzo 2016).
  12. ^ La 13ª fase di selezione nell'ambito del Programma Discovery della NASA si dovrebbe concludere nel settembre del 2016, con il lancio previsto per i primi anni venti del duemila.
  13. ^ (EN) Emily Lakdawalla, InSight has a new launch date: May 5, 2018, su planetary.org, The Planetary Society, 9 marzo 2016. URL consultato il 10 marzo 2016 (archiviato l'11 marzo 2016).
  14. ^ a b (EN) Frequently Asked Questions, su NASA's InSight Mars Lander, InSight Mission – NASA's InSight Mars Lander. URL consultato il 12 novembre 2018 (archiviato il 26 novembre 2018).
  15. ^ InSight: Mission, in Mission Website, NASA's Jet Propulsion Laboratory. URL consultato il 2 dicembre 2011 (archiviato il 23 agosto 2012).
  16. ^ Ken Kremer, NASAs Proposed 'InSight' Lander would Peer to the Center of Mars in 2016, su universetoday.com, Universe Today, 2 marzo 2012. URL consultato il 21 agosto 2012 (archiviato il 6 marzo 2012).
  17. ^ (EN) NASA Extends Exploration for Two Planetary Science Missions, su nasa.gov, 8 gennaio 2021.
  18. ^ Insight vola verso Marte guidato da una 'bussola' italiana, su adnkronos.com, 23 novembre 2018. URL consultato il 27 novembre 2018 (archiviato il 27 novembre 2018).
  19. ^ (EN) InSight - Technology, su insight.jpl.nasa.gov, NASA - JPL, 2012. URL consultato il 21 agosto 2012 (archiviato il 23 agosto 2012).
  20. ^ Matteo Carpentieri, Insight è atterrata su Marte. URL consultato il 10 luglio 2019 (archiviato il 10 luglio 2019).
  21. ^ Roberto Mastri, InSight: buone notizie da Elysium Planitia. URL consultato il 10 luglio 2019 (archiviato il 10 luglio 2019).
  22. ^ (EN) https://jpl.nasa.gov, NASA's InSight Detects First Likely 'Quake' on Mars, su NASA Jet Propulsion Laboratory (JPL). URL consultato il 19 aprile 2021.
  23. ^ Roberto Mastri, InSight: tecnici al lavoro per risolvere i problemi della “talpa”. URL consultato il 10 luglio 2019 (archiviato il 10 luglio 2019).
  24. ^ (EN) NASA InSight's ‘Mole' Ends Its Journey on Mars, su mars.nasa.gov, 14 gennaio 2021.
  25. ^ (EN) Morgan McFall-Johnsen, NASA's InSight Mars lander is about to go into hibernation. If its batteries ran out, it could die., su Business Insider. URL consultato il 19 aprile 2021.
  26. ^ Pulizie innovative per InSight, su globalscience.it, 4 giugno 2021.
  27. ^ (EN) mars.nasa.gov, More Than 2.4 Million Names Are Going to Mars | Mars News, su mars.nasa.gov. URL consultato il 26 luglio 2018.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]