Imperatore Ku

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Ku
Ku
L'imperatore Ku
Imperatore cinese
Predecessore Zhuanxu
Successore Zhi
Dinastia Cinque imperatori
Coniugi Changhy
Quindgu
Jian Yuang
Jiandi
Figli Zhi
Yao
Houji
Qi
Ebo
Sichen

Ku o Gaoxin (cinese tradizionale: 嚳; pinyin: Kù), noto anche come Diku (cinese tradizionale: 帝嚳; pinyin: Dikù; ... – ...) è un sovrano leggendario dell'antica Cina.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Ku è annoverato tra i Cinque Imperatori dell'antica Cina. Come per tutti costoro, anche per lui le notizie sulla vita non sono certe e variano notevolmente a seconda delle fonti. Il suo presumibile periodo di regno oscilla tra il 2412 ed il 2343 a.C.[1] o tra il 2436 ed il 2367 (2366) a.C.[2] È ritenuto discendente (nipote) dell'Imperatore giallo Huang Di.

Tra le conquiste culturali attribuite all'imperatore Ku vi è in particolare l'introduzione delle scuole; secondo antiche fonti cinesi, inoltre, ideò ebbe un importante ruolo nell'invenzione di vari strumenti musicali e composizioni tradizionali. È considerato anche il fondatore della poligamia in Cina ed infatti gli vengono attribuite almeno quattro mogli.

Da una di loro, Changyi (常儀), Ku ebbe un figlio, Zhi, che divenne il suo successore, ma dopo nove anni cedette la reggenza a suo fratello Yao, la cui madre era Qingdu. Dalla terza moglie, Jiang Yuan, ebbe Houji, dalla quarta, Jiandi, Qi. Questi figli sono considerati rispettivamente i capostipiti delle dinastie Zhou e Shang.

Per separare i suoi figli Ebo e Sichen (madri ignote), in perenne lotta tra loro, li proclamò dèi delle stelle Chen e Shen.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Regierungszeit von Kaiser Kù
  2. ^ Steven F. Sage: Ancient Sichuan and the Unification of China, State University of New York Press, Albany (New York) 1992, ISBN 9780791410370. [1]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Tre Augusti e Cinque Imperatori
Imperatore della Cina
Successore
Zhuanxu ca. 2436 - ca. 2366 a.C. Zhi