Supponiamo di avere un apriscatole

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Un apriscatole, oggetto dell'immaginazione degli economisti

"Supponiamo di avere un apriscatole", traduzione italiana dell'espressione inglese assume a can opener, è un tormentone usato per ironizzare sugli economisti e su altri teorizzatori che basano le loro conclusioni su assunti improbabili o impraticabili. La frase, secondo una nota definizione, "prende di mira il modo in cui gli economisti utilizzano [certi] assunti per semplificare — e talvolta banalizzare — i problemi con cui si misurano".[1] Può trovarsi usata per esprimere la riprovazione di chi parla verso "la propensione della moderna teoria economica per assunti ingiustificati e ipersemplificati."[2]

Origine[modifica | modifica wikitesto]

L'espressione deriva da una barzelletta risalente almeno al 1970 e forse scaturita in contesti di economisti britannici.[3] Il primo testo in cui è menzionata è probabilmente Economics as a Science (L'economia come scienza, 1970) di Kenneth E. Boulding:[4]

«C'è una storiella che circola a proposito di un fisico, un chimico e un economista che si ritrovano su un'isola deserta senza alcun attrezzo e con una lattina di cibo in scatola. Il fisico e il chimico s'impegnano ciascuno a ideare un ingegnoso meccanismo per ottenere l'apertura della lattina; l'economista si limita a dire "Supponiamo di avere un apriscatole"!»

La frase divenne popolare grazie a un libro del 1981 ed è ora talmente nota che molti scrittori di materie economiche la usano come frase ad effetto senza ulteriore spiegazione.[5][6]

Tommaso Padoa-Schioppa, uno degli utilizzatori del tormentone

Esempi di utilizzo[modifica | modifica wikitesto]

La battuta fu ripresa nel libro del 1981 Paper Money (Denaro di carta) di "Adam Smith" (pseudonimo di George Goodman),[7] il quale la collegò alla tendenza del tempo degli economisti di assumere che l'inflazione sarebbe scomparsa, e aggiunse una notazione per la quale gli economisti sarebbero "i massimi sacerdoti di questo mistero esoterico."[8] Per contro, si domandava "perché gli economisti si sbagliano sempre."[9] La frase "supponiamo di avere un apriscatole" divenne "la sua irritante accusa contro la logica deduttiva e i modelli analitici degli economisti."[10]

L'allora ministro delle finanze italiano Tommaso Padoa-Schioppa usò la frase nel 2006 per illustrare che molto spesso, quando gli economisti commentano, assumono che la politica non ci sia."[11]

Fu usata in Australia per descrivere "un ministro del tesoro[12] che ha perso ogni contatto con la realtà"[13] e a proposito di politici che "sottostimano" il problema di dover raggiungere un accordo globale sulle emissioni inquinanti.[14]

È stata inoltre usata in India per commentare le relazioni sino-americane.[15]

Anche al di là dell'ambito economico, si è usata l'espressione a proposito di diplomatici e negoziatori che lavoravano per la pace in Medio Oriente, i quali hanno "tentato di costruire confidenza fra le parti belligeranti come se il conflitto fosse stato soltanto un grosso equivoco" e che "riconoscevano leader che non esistevano come modo per far apparire per magia una realtà preferibile."[16]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ N. Gregory Mankiw, Macroeconomics, 7thª ed., New York, Worth Publishers, 2010, pp. 238–239, ISBN 1-4292-1887-8.
  2. ^ Anatole Kaletsky, 11 "There is no can opener", in Capitalism 4.0: The Birth of a New Economy in the Aftermath of Crisis, New York, Public Affairs, a member of the Perseus Books Group, 2010, p. 156, ISBN 978-1-58648-871-0.
  3. ^ Barry Popik: “Assume you have a can opener” (economics joke about opening a food can). In: The Big Apple. December 5, 2010
  4. ^ Kenneth E. Boulding: Economics as a Science. McGraw-Hill, 1970, p. 101
  5. ^ Kevin Drum, First, Assume a Can Opener....., in Mother Jones, August 18, 2010. URL consultato il 18 March 2013.
  6. ^ Monetary policy: First, assume a can-opener, in The Economist, November 28, 2012. URL consultato il 18 March 2013.
  7. ^ Leonard Silk, Bullish about the system, in The New York Times, March 22, 1981. URL consultato il March 18, 2013.
  8. ^ Straight talk given on economic mess, in Daily Times, March 28, 1981. URL consultato il 18 March 2013.
  9. ^ Christopher Lehmann-Haupt, Books of the Times: Review of Paper Money by Adam Smith, in The New York Times, March 9, 1981. URL consultato il 18 March 2013.
  10. ^ Leonard Silk, Bullish about the system, in The New York Times, March 22, 1981. URL consultato il 18 March 2013.
  11. ^ Floyd Norris, High and low finance: Temptations of a minister of finance, in The New York Times, November 24, 2006. URL consultato il 18 March 2013.
  12. ^ Wayne Swan
  13. ^ Terry McCrann e Herald-Sun, Swan's speech a laugh a minute, in Herald Sun, June 8, 2011. URL consultato il 18 March 2013.
  14. ^ Geoff Carmody, Doing nothing is preferable to this, in The Australian, March 2, 2011. URL consultato il 18 March 2013.
  15. ^ John Kemp, Easy money will keep pressure on commodities, in Reuters India, April 5, 2011. URL consultato il 18 March 2013 (archiviato dall'url originale il 4 gennaio 2014).
  16. ^ Cliff May, Peace Processing 101, in Gettysburg Times, February 17, 2009. URL consultato il 18 March 2013.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]