Ilyushin Il-30

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ilyushin Il-30
Descrizione
Tipo bombardiere
Equipaggio 4
Progettista URSS OKB 39 Ilyushin
Data primo volo solo test dinamici a terra
Esemplari 1
Dimensioni e pesi
Lunghezza 18,0 m
Apertura alare 16,5 m
Freccia alare 35°
Superficie alare 100
Peso a vuoto 17 033 kg
Peso carico 22 967 kg
Peso max al decollo 27 300 kg
Propulsione
Motore 2 x Lyulka TR-3
Spinta 45,1 kN ciascuno
Prestazioni
Velocità max 1 000 km/h
Velocità di crociera 850 km/h
Velocità di salita a 5 000 m in 4 min
Autonomia 3 500 km
Tangenza 13 000 m
Armamento
Cannoni 6 NS-23 calibro 23 mm
Bombe 2 000 kg
4 000 kg (max)
Note i dati sulle prestazioni sono quelli progettuali

Dati tratti da "Il-30, S.V.Ilyushin", in "ram-home.com"[1]

voci di aerei militari presenti su Wikipedia

L'Ilyushin Il-30 (in russo: Ильюшин Ил-30?) fu un bombardiere bimotore a getto progettato dall'OKB 39 diretto da Sergej Vladimirovič Il'jušin[N 1] e sviluppato in Unione Sovietica nei tardi anni quaranta.

Sviluppato parallelamente con l'Il-28, dal quale riprende la sezione anteriore e la deriva, è il primo aereo sovietico ad adottare una configurazione del carrello a tandem[1]. Venne costruito un solo prototipo che effettuò solamente test a terra senza mai volare[2].

Storia del progetto[modifica | modifica wikitesto]

L'inizio della progettazione dell'Il-30 risale al 21 giugno 1948. Il nuovo bombardiere doveva rispettare alcuni parametri richiesti tra cui la possibilità di trasportare 2 tonnellate di bombe per 3 500 km e una velocità massima non inferiore ai 1 000 km/h. Per la motorizzazione dell'Il-30 venne previsto l'impiego di una coppia di Lyulka TR-3 derivati da quelli installati sull'Il-20, capaci di una spinta di 45,1 kN ciascuno[3].

Il prototipo venne ultimato nell'estate del 1949 e a settembre iniziò un ciclo di test a terra comprensivi di rullaggio ad elevata velocità per testare l'inedito carrello tandem. Il prototipo non volò mai a causa di vari fattori, tra cui alcuni problemi al telaio e ai motori, la cui risoluzione avrebbe richiesto maggiori sforzi al team dell'OKB 39 che era però già impegnato allo sviluppo di nuove versioni e motori per l'Il-28[1].

L'esperienza accumulata venne utilizzata nel 1952 nella progettazione dell'Il-54, il primo bombardiere supersonico sovietico[1].

Tecnica[modifica | modifica wikitesto]

Cellula[modifica | modifica wikitesto]

L'Il-30 era un bimotore ad ala media dalla struttura metallica, corazzata nella parte anteriore e nella postazione del mitragliere. Per rispettare l'obiettivo di una velocità massima non inferiore ai 1 000 km/h venne progetta un'ala a freccia con un angolo di 35° e angolo di diedro di 2°, che rispetto ad un'ala tradizionale consentiva una migliore stabilità in volo e riusciva a sopportare meglio le sollecitazioni ad alta velocità[3]. Per meglio indirizzare i filetti fluidi, vennero installate 4 alette aerodinamiche nella parte superiore dell'ala.

Questa particolare geometria dell'ala rendeva però il velivolo instabile alle basse velocità e ad elevati angoli d'attacco. Per ovviare a questo problema i progettisti sovietici modificarono l'angolo di incidenza dell'ala rispetto alla fusoliera.

Propulsione[modifica | modifica wikitesto]

L'Il-30 era spinto da due motori a getto Lyulka TR-3 che vennero sviluppati usando il know-how acquisito durante lo sviluppo dei motori dell'Il-22[1]. Il TR-3 tecnicamente era formato da un compressore assiale a sette stadi e camera di combustione anulare[4]. Il velivolo era dotato inoltre di serbatoi supplementari sotto le ali per rispettare gli obiettivi di progetto.

Armamento[modifica | modifica wikitesto]

L'Il-30 era dotato di 6 cannoni NS-23 calibro 23 mm, camerato per il munizionamento 23 x 115 mm, di cui 2 installati nella torretta alla spalle del pilota controllabile dal mitragliere, due installati in coda controllabili da remoto e due fissi nella parte inferiore della fusoliera[2].

L'Ilyushin poteva trasportare un carico di 2 000 kg di bombe sino ad un massimo consentito di 4 000 kg.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Annotazioni[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La denominazione del "costruttore" risulta scritta in modo diverso da quella del "progettista" poiché, nel secondo caso, la traslitterazione del cognome è effettuata secondo il sistema "ISO 9", impiegato come standard convenzionale nelle pagine di Wikipedia in lingua italiana.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e Il-30, S.V.Ilyushin, su ram-home.com. URL consultato il 26 marzo 2016..
  2. ^ a b Ilyushin Il-30. Foto. La storia e le caratteristiche., su it.avia.pro. URL consultato il 26 marzo 2016..
  3. ^ a b c Уголок неба, Ильюшин Ил-30.
  4. ^ AL-5/TR-3, A.M.Lyulka, su www.ctrl-c.liu.se. URL consultato il 26 marzo 2016..

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Heinz J. Nowarra, G.R. Duval e W. F. Hepworth, Russian Civil and Military Aircraft, 1884-1969, Londra, Fountain Press Ltd., 1971, ISBN 978-0-85242-460-5.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]