Ilozoismo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il termine ilozoismo (composto dal greco hýlē, "materia", e zòon "vita") riguarda la dottrina che concepisce la materia come una forza dinamica vivente che ha in se stessa animazione, movimento e sensibilità senza alcun intervento di principi animatori esterni. Nella filosofia antica il termine appare affine a quello di "ilopsichismo" (da ὕλη "materia" e ψυχή "anima") e di "panpsichismo" (da πᾶν "tutto" e ψυχή "anima") poiché il concetto di vita coincideva con quello di anima come appare nel primo ilozoista Talete che concepisce l'universo come "animato" (ἔμψυχος). [1]

Il termine fu coniato dal filosofo inglese di impostazione platonica Ralph Cudworth (1617-1688)[2] che lo riferì al pensiero materialista di Stratone di Lampsaco e di Spinoza.

Il termine fu usato anche da Kant, a proposito del giudizio teleologico, che lo intese come la dottrina che «fonda i fini della natura sull'analogo di una facoltà che agisce con intenzione, la vita della materia» [3]

Questa dottrina filosofica è presente nei filosofi presocratici, per i quali la sostanza primordiale è materiale e vivente, e negli stoici che teorizzano l'esistenza di un fuoco originario come principio animatore dell'universo.

All'ilozoismo possono riportarsi i filosofi della natura rinascimentali quali Bernardino Telesio, Giordano Bruno e Tommaso Campanella i quali condividono l'idea che vi sia un sostrato materiale, di per sé inerte, che riceve vita e movimento da due forze materiali: il caldo e il freddo.

Nel XIX secolo l'ilozoismo ricomparve in alcuni autori materialisti che ritenevano animati gli atomi e l'etere e nell'ambito della cosiddetta psicosofia.[4]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Guido Calogero in Enciclopedia Italiana (1933) alla voce corrispondente
  2. ^ R.Cudworth, Il vero sistema intellettuale dell'universo, (1678)
  3. ^ I. Kant, Critica del giudizio, II, par. 72
  4. ^ E. H. Haeckel, L'enigma del mondo, (1899), H. P. Blavatsky, La Dottrina Segreta: 2 Antropogenesi (1893), pag. 179, A. A. Bailey, Trattato del Fuoco Cosmico (1925), pag. 334, 360

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • E.P. Lamanna / F. Adorno, Dizionario dei termini filosofici, Le Monnier, Firenze (rist. 1982).
  • L. Maiorca, Dizionario di filosofia, Loffredo, Napoli 1999.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

filosofia Portale Filosofia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di filosofia