Illusion (film 2004)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Illusion
Illusion (film 2004).JPG
Kirk Douglas
Titolo originale Illusion
Lingua originale inglese
Paese di produzione Stati Uniti d'America
Anno 2004
Durata 106 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 2,35 : 1
Genere drammatico, sentimentale
Regia Michael A. Goorjian
Sceneggiatura Tressa DiFiglia, Michael A. Goorjian, Chris Horvath, Ron Marasco
Produttore James C.E. Burke, Scott Disharoon, Anahid Nazarian, Kevin Weisman
Casa di produzione Daniel Fried Productions, Illusion Productions, Maldoror Productions
Fotografia Robert Humphreys
Montaggio Laurent Wassmer
Effetti speciali Shelly Dutcher (effetti visivi)
Musiche Chris Ferreira
Scenografia Lisa Clark
Costumi Mellisa Glass
Trucco Francie Paull
Interpreti e personaggi

Illusion è un film del 2004 diretto da Michael A. Goorjian.

È un film drammatico statunitense con Kirk Douglas, qui nella sua ultima interpretazione, lo stesso Goorjian e Karen Tucker. Il film ha vinto un premio all'Hamptons International Film Festival per la migliore sceneggiatura nel 2004.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il leggendario regista Donald Baines sta morendo da solo nella sua sala di proiezione privata, mentre guarda i film a cui ha dedicato la sua vita. Essendosi isolato dalla famiglia e dagli amici, ora si rammarica per i molti sacrifici personali. Il rifiuto del suo figlio illegittimo, Christopher, gli porta la maggior parte del dolore, dal momento che Donald lo ha visto solo una volta, 30 anni prima.

Una notte, Donald è svegliato dalla immagine spettrale di Stan, uno dei suoi editori preferiti morto più di 35 anni prima. Improvvisamente Donald vede il suo letto di morte trasportato in un vecchio cinema. Stan informa Donald che egli è venuto per aiutarlo e che gli mostrerà tre film, tre visioni, ognuna delle quali rappresenta un periodo diverso della vita di Christopher.

La prima visione porta Donald nella vita adolescente di Christopher, che è alle prese con il suo primo contatto con l'amore. Ribelle e romantico, Christopher proclama il suo amore per una ragazza che ha visto solo da lontano e cerca l'opportunità di trascorrere del tempo con lei. Una voce fastidiosa, che suona come il padre che non ha mai conosciuto, fa eco nella sua testa, dicendogli che non ne è degno.

Nella seconda visione del ventenne Christopher, cerca di sfuggire a un vortice artistico e si trova faccia a faccia con l'amore che aveva per un breve momento preso e perso nella prima visione. La sua vita prende una svolta brutale, giacché egli trova ma ancora una volta perde il suo amore.

L'ultima visione che Donald vede è il ritorno di Christopher ora come un uomo maturo, stanco della sua vita difficile. Ancora una volta in cerca di amore, questa è la sua ultima e forse unica possibilità di liberarsi di ciò che immagina essere la disapprovazione inquietante di suo padre.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film, diretto da Michael A. Goorjian su una sceneggiatura di Tressa DiFiglia, Michael A. Goorjian, Chris Horvath e Ron Marasco,[1] fu prodotto da James C.E. Burke, Scott Disharoon, Anahid Nazarian e Kevin Weisman per la Daniel Fried Productions, la Illusion Productions e la Maldoror Productions[2] e girato a Oakland in California[3]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film fu distribuito negli Stati Uniti dal 2004[4] al cinema dalla Awakened Media.[2]

Alcune delle distribuzioni sono state:[4]

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

La tagline è: "The only person who could change the story of his life...was the father he never knew.".[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Illusion - IMDb - Cast e crediti completi, imdb.it. URL consultato il 29 dicembre 2012.
  2. ^ a b Illusion - IMDb - Crediti per le compagnie, imdb.it. URL consultato il 29 dicembre 2012.
  3. ^ Illusion - IMDb - Luoghi delle riprese, imdb.it. URL consultato il 29 dicembre 2012.
  4. ^ a b Illusion - IMDb - Date di uscita, imdb.it. URL consultato il 29 dicembre 2012.
  5. ^ (EN) Illusion - IMDb - Tagline, imdb.com. URL consultato il 29 dicembre 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema