Il villaggio di cartone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il villaggio di cartone
Paese di produzioneItalia
Anno2011
Durata87 min
Generedrammatico
RegiaErmanno Olmi
SoggettoErmanno Olmi
SceneggiaturaErmanno Olmi (con la collaborazione di Claudio Magris e Gianfranco Ravasi)
Distribuzione (Italia)01 Distribution
FotografiaFabio Olmi
MontaggioPaolo Cottignola
MusicheSofia Gubaidulina
ScenografiaGiuseppe Pirrotta
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

« Se non apriamo le nostre case, compresa la casa più intima, che è il nostro animo, siamo solo uomini di cartone »

(Ermanno Olmi[1])

Il villaggio di cartone è un film del 2011 diretto da Ermanno Olmi.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Una chiesa ormai inagibile viene dismessa alla presenza del vecchio parroco. L'ambiente viene spogliato di tutto l'arredamento sacro e nemmeno il grande crocifisso si salverà. Da questa situazione inizia una nuova vita per l'edificio, che, ormai privato di tutti gli aspetti liturgici e "istituzionali", si trasforma nel luogo della concretizzazione viva della fede del vecchio sacerdote. Un luogo di desolazione si trasforma così in spazio di fratellanza e di accoglienza per un gruppo di extracomunitari africani senza permesso di soggiorno, incarnazione degli esclusi e degli emarginati della nostra società.

Set[modifica | modifica wikitesto]

Il set del film è stato allestito all'interno del palazzetto dello sport di Bari, il PalaFlorio, all'interno del quale sono stati ricostruiti una chiesa e la casa del parroco in dimensioni reali.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema