Il tenente dei carabinieri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il tenente dei carabinieri
Paese di produzione Italia
Anno 1986
Durata 110 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere poliziesco, comico
Regia Maurizio Ponzi
Soggetto Leo Benvenuti, Piero De Bernardi, Maurizio Ponzi
Sceneggiatura Leo Benvenuti, Piero De Bernardi, Maurizio Ponzi
Produttore Mario Cecchi Gori, Vittorio Cecchi Gori
Fotografia Carlo Cerchio
Montaggio Antonio Siciliano
Musiche Bruno Zambrini
Scenografia Francesco Frigeri
Interpreti e personaggi

Il tenente dei carabinieri è un film italiano del 1986 di Maurizio Ponzi, interpretato da Enrico Montesano, Nino Manfredi e Massimo Boldi.

Montesano e Boldi avevano già vestito la divisa dell'Arma nella pellicola I due carabinieri del 1984.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Roma. Il Tenente dei Carabinieri Duilio Cordelli si fa scioccamente rifilare da un'avvenente ragazza una banconota falsa; dalle successive indagini il falsario risulta essere una sua vecchia conoscenza, Augusto Lorenzini, che però si dichiara ormai estraneo al giro. Qualche giorno dopo proprio questi viene trovato ucciso, ma Cordelli deve rinunciare al caso; infatti il suo superiore, il Colonnello Vinci, l'ha destinato al caso Urban Security, la "rapina del secolo". Le indagini sul colpo milionario lo portano prima a Milano, "aiutato" dal pasticcione vice brigadiere Nautico Lodifè, e poi a Londra, nonostante varie intimidazioni per farlo desistere. Rimessi insieme tutti i pezzi, Cordelli alla fine scopre il legame tra la morte di Lorenzini e la rapina alla Urban Security, riuscendo a chiudere il caso con un movimentato arresto finale.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema