Il secondo libro della fantascienza

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il secondo libro della fantascienza
Autore AA.VV.
1ª ed. originale 1961
Genere racconti
Sottogenere fantascienza
Lingua originale italiano
Serie Le meraviglie del possibile
Preceduto da Le meraviglie del possibile
Seguito da Il terzo libro della fantascienza

Il secondo libro della fantascienza, curato da Carlo Fruttero e Franco Lucentini e pubblicato da Einaudi nel 1961, è il seguito della celebre antologia di racconti di fantascienza Le meraviglie del possibile edita per la prima volta sempre per Einaudi nel 1959 e curata da Sergio Solmi. Contiene 32 racconti di 14 diversi autori, più una particolarissima appendice, che ospita il celebre racconto fantastico di Jorge Luis Borges La biblioteca di Babele.

Racconti[modifica | modifica wikitesto]

L'autore più rappresentato è Richard Matheson, presente con nove racconti. Seguono Robert Sheckley, Fredric Brown e Ray Bradbury, con tre racconti ciascuno.

Questi i racconti, nell'ordine in cui sono inseriti nell'antologia:

Antecedente e seguiti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]