Il romanzo di Thelma Jordon

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il romanzo di Thelma Jordon
Il romanzo di Thelma Jordon 1950 Bluray.png
Una scena del film
Titolo originale The File on Thelma Jordon
Lingua originale Inglese
Paese di produzione Stati Uniti d'America
Anno 1950
Durata 100 min
Dati tecnici b/n
rapporto: 1,37:1
Genere drammatico, noir
Regia Robert Siodmak
Soggetto Marty Holland
Sceneggiatura Ketti Frings
Produttore Hal B. Wallis
Casa di produzione Paramount Pictures
Fotografia George Barnes
Montaggio Warren Low
Effetti speciali Gordon Jennings
Musiche Victor Young
Scenografia Hans Dreier
Costumi Edith Head
Trucco Wally Westmore
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Il romanzo di Thelma Jordon (The File on Thelma Jordon) è un film noir del 1950 diretto da Robert Siodmak da una sceneggiatura di Ketti Frings, ed ha come protagonisti Barbara Stanwyck e Wendell Corey[1].

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Thelma Jordon una notte si presenta nell'ufficio di Cleve Marshall, assistente del procuratore distrettuale, e gli racconta una storia di criminali e ladri di appartamento. Prima che Cleve riesca a trattenersi, lui e Thelma finiscono con l'avere una relazione clandestina: l'uomo è sposato. Thelma è una donna misteriosa e Cleve non può far a meno di chiedersi se nasconda qualcosa.

Quando la vecchia zia della donna viene trovata morta nella sua villa colpita da un'arma da fuoco, Thelma invece di chiamare la polizia chiama Cleve, che la aiuta a coprire le prove che potrebbero incriminarla. Quando la Jordon in seguito all'investigazione ufficiale viene vista come prima sospettata del delitto, l'uomo si fa nominare pubblico ministero nel processo e, sabotandolo, riesce a farla scagionare.

Il passato della donna si ripresenta prepotentemente quando Tony Laredo, un truffatore col quale Thelma aveva una relazione, va a trovarla in villa. Qui si scopre che Laredo e Thelma erano fin dal principio d'accordo e che Cleve avrebbe dovuto essere il capro espiatorio di un piano criminale che avrebbe garantito ai due i soldi e i gioielli della vecchia zia. Prima che i due abbiano l'occasione di partire, arriva Cleve e in seguito ad un drammatico confronto a tre, l'assistente procuratore viene messo al tappeto da Tony.

Durante la fuga in auto, presa dai sensi di colpa, Thelma aggredisce Laredo che perdendo il controllo del mezzo va a schiantarsi. In seguito all'incidente, il complice di Thelma muore e lei viene portata gravemente ferita all'ospedale. Qui confessa tutto al procuratore distrettuale, omettendo il coinvolgimento di Cleve; lasciata sola con lui, la donna gli confessa che non avrebbe mai potuto fare il suo nome perché lo ama e muore davanti ai suoi occhi.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Data di uscita[modifica | modifica wikitesto]

Le date di uscita cinematografiche internazionali sono state[2]:

  • 18 gennaio 1950 negli Stati Uniti
  • 18 maggio 1950 in Australia
  • 16 ottobre 1950 in Svezia (X - filmen om en farlig kvinna)
  • 24 novembre 1950 in Francia (La femme à l'écharpe pailletée)
  • 11 maggio 1951 in Finlandia, (Tie lakia pakoon)
  • 22 ottobre 1951 in Danimarca (Et skud i natten)
  • 25 marzo 1952 in Germania ovest (Strafsache Thelma Jordon)
  • 10 luglio 1953 in Portogallo (Duas Confissões)

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Quando uscì il film, lo staff di Variety ne lodò le qualità scrivendo: «Thelma Jordon si svolge come un interessante melodramma incentrato su una donna ambigua, raccontato con sobria emozione. La sceneggiatura (da una storia di Marty Holland) è molto diretta, fino alla conclusione forzata, e persino quella è rappresentata con successo a causa della compassione che si prova nei confronti del personaggio poco assennato e traviato, interpretato da Wendell Corey (...) La regia di Robert Siodmak fa spiccare molte scene dalla tensione estrema»[3].

Il magazine Time Out scrisse del film: «Un bel film noir che funziona come una intricata ingegnosa variazione della situazione già vista ne La fiamma del peccato, ma che prende il suo tono, a differenza del film di Wilder, non da una Stanwick sfavillante sirena che flirta col proprio giusto castigo ("Giorno del giudizio, Jordon!"), ma dall'ordinario procuratore distrettuale che lei porta sull'orlo della distruzione»[4].

Il New York Times, in una recensione del 1950, diede al film un giudizio contrastante, osservando che «Thelma Jordon anche se elegante, dai dialoghi maturi e con una recitazione intelligente, è un'opera stranamente esitante e a volte confusa»[5].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Il romanzo di Thelma Jordon, in AFI Catalog of Feature Films, American Film Institute.
  2. ^ (EN) Il romanzo di Thelma Jordon (1950) - Release Info, Internet Movie Database. URL consultato il 23 aprile 2015.
  3. ^ Review: The File on Thelma Jordon, in Variety, 31 dicembre 1949. URL consultato il 23 aprile 2015 (archiviato il 23 aprile 2015).
  4. ^ The File on Thelma Jordon, su Time Out. URL consultato il 23 aprile 2015 (archiviato il 23 aprile 2015).
  5. ^ 'Thelma Jordon' at the Paramount, in The New York Times, 19 gennaio 1950. URL consultato il 23 aprile 2015 (archiviato il 23 aprile 2015).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema