Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

L'incantevole Creamy

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Il ritorno di Creamy)
L'incantevole Creamy
魔法の天使クリィミーマミ
(Mahō no tenshi Creamy Mami)
Creamy sigla.png
Title card italiana dell'anime
serie TV anime
Lingua orig. giapponese
Paese Giappone
Autori Kazunori Itō, Yuko Kitagawa
Regia Osamu Kobayashi, Tomomizu Mochizuki
Char. design Akemi Takada
Musiche Koji Makaino
Studio Pierrot
Rete Nippon Television
1ª TV 1º luglio 1983 – 29 giugno 1984
Episodi 52 (completa)
Durata ep. 30 min
Rete it. Italia 1
1ª TV it. 3 febbraio 1985 – 1º giugno 1985
Episodi it. 52 (completa)
Dir. dopp. it. Enrico Carabelli
Generi mahō shōjo, commedia
Creamy Mami
魔法の天使クリィミーマミ
manga
Autore Kazunori Itō
Disegni Yuko Kitagawa
Editore Kodansha
Rivista Carol
Target shōjo
1ª edizione 1984
Tankōbon 2 (completa)
Editore it. Star Comics
Collana 1ª ed. it. Amici serializzato dal n.15 al n.19 + il n.22
1ª edizione it. gennaio 1999
Periodicità it. mensile
Genere mahō shōjo
L'incantevole Creamy: Il ritorno di Creamy
魔法の天使クリィミーマミ 永遠のワンスモア
(Mahō no tenshi Creamy Mami: Eien no once more)
OAV
Studio Pierrot
1ª edizione 28 ottobre 1984 – 28 ottobre 1984
Episodi unico
Durata 92 min
Rete it. Italia 1
Episodi it. 4 (completa)
Durata ep. it. 16' e ½
Genere mahō shōjo
Mahō no tenshi Creamy Mami: Lovely Serenade
魔法の天使クリィミーマミ ラブリーセレナーデ
(Mahō no tenshi Creamy Mami: Raburī Serenāde)
OAV
Studio Pierrot
1ª edizione 28 marzo 1985 – 28 marzo 1985
Episodi unico
Genere mahō shōjo
L'incantevole Creamy: Il lungo addio
魔法の天使クリィミーマミ ロング・グッドバイ
(Mahō no tenshi Creamy Mami: Long Goodbye)
OAV
Studio Pierrot
1ª edizione 15 giugno 1985 – 15 giugno 1985
Episodi unico
Durata 52 min
Rete it. Italia 1
Episodi it. unico
Durata ep. it. 45'
Genere mahō shōjo
Creamy Mami Song Special 2: Curtain Call
クリィミーマミ ソングスペシャル2 カーテンコール
(Kurīmī Mami songu supesharu 2: Kāten kōru)
OAV
Studio Pierrot
1ª edizione 1º febbraio 1986 – 1º febbraio 1986
Episodi unico
Genere mahō shōjo

L'incantevole Creamy (魔法の天使クリィミーマミ Mahō no tenshi Kurīmi Mami?, lett. "L'angelo della magia Creamy Mami") è una popolare serie televisiva anime del genere mahō shōjo, prodotta dalla Pierrot e trasmessa in Giappone dal 1983 al 1984 e conosciuta anche in Italia, ove è considerata uno dei cartoni animati di maggior successo.[1] L'anime gode anche di una trasposizione manga, distribuita dalla Kodansha parallelamente alla trasmissione.

La serie segue le avventure di una bambina che, dopo aver ricevuto dei poteri magici, si trasforma in una cantante di successo. La serie è stata trasmessa in Italia in prima TV dal 3 febbraio 1985 su Italia 1, e in replica su altre emittenti televisive.[2]

Il 1º luglio 2013 in occasione del 30º anniversario dell'anime, sono stati replicati eccezionalmente i primi 3 episodi su Boing, nonostante la serie non fosse in programmazione.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Tokyo - 1º luglio 1983, quartiere di Kurimigaoka. Yū Morisawa, bambina vivace, fantasiosa e piena di sogni, grazie a queste sue qualità riesce a scorgere nel cielo un'arca di cristallo, che pochissime altre persone al mondo sembrano riuscire a vedere. Il folletto Pinopino, proveniente dal pianeta Stella Piumata, per ringraziare Yū di aver liberato l'arca da una tempesta di sogni, le dona un medaglione magico (a forma di portacipria) che le consentirà di avere poteri fantastici. Questo regalo, l'avverte Pinopino, dovrà essere restituito dopo un anno. Lo strano esserino lascia sulla Terra anche due creature della Stella Piumata, Posi e Nega, dalle sembianze di due gattini, che veglieranno su Yū e l'aiuteranno a usare i suoi nuovi poteri.

La sera stessa Yū prova a usare i poteri dello strano medaglione dal quale, seguendo le indicazioni di Posi e Nega, estrae una bacchetta con cui, tramite la formula «pampulu-pimpulu-parim-pampùm, pimpulu-pampulu-parim-pampùm», si ritrova trasformata in una bellissima ragazza di 16 anni che, per una serie di vicissitudini, chiamerà Creamy Mami in omaggio al negozio di crêpe dei genitori, il Creamy crêpe.

Il giorno seguente, uscita di casa molto presto e trasformatasi nella bella adolescente, la ragazzina si imbatte casualmente sulla strada del produttore discografico Shingo Tachibana (Jingle Pentagramma in Italia) che, rimasto folgorato dalla splendida ragazza, la trascina all'interno di un programma televisivo per cantare in sostituzione della cantante Megumi Ayase (Duenote Ayase) in ritardo sulla scaletta. È qui che Yū, costretta a scegliersi un nome, opterà per Creamy Mami. L'esibizione si rivela subito un successo e Yū, seppur non interessata affatto a essere una celebrità, di fronte alle soffocanti preghiere del produttore, finirà per diventare esattamente quello che Tachibana aveva in mente: una icona della canzone pop giapponese sotto le vesti di Creamy Mami.

Yū inizia così una vera e propria doppia vita complicata dal fatto che, pena la perdita immediata dei poteri, non può rivelare a nessuno la sua doppia identità. È così costretta a mentire ai suoi genitori, Tetsuo (Filippo) e Natsume (Candida), e ai suoi amici tra cui Toshio, il ragazzo di cui è invaghita da sempre e che paradossalmente diventerà il fan numero uno della 'dolcissima Mami'.

La vicenda va avanti con un ritmo incalzante fino ad arrivare alla vigilia di Natale quando, durante la partecipazione di Mami al "NPB pops Festival" (il Festival musicale), Toshio assiste involontariamente alla trasformazione di Yū in Mami: Pinopino non aveva mentito e la bacchetta magica perde completamente i suoi poteri. La ragazza, pur riuscendo a vincere un premio speciale della giuria, è angosciata per non poter più tornare a essere Yū e aver modo di ritornare a casa. Toshio, sconvolto a sua volta per ciò che ha visto si mette alla ricerca dell'amica riuscendo a raggiungerla. Posi e Nega nel frattempo tentano di mettersi in contatto con Pinopino facendo in modo che il "custode dell'arca" torni nei cieli di Tokyo per prelevare i due ragazzi da terra; il folletto spiega a Toshio che scoprendo il segreto di Mami ha acquisito automaticamente la possibilità di esprimere un desiderio: Toshio accetta così di far tornare Mami la Yū di sempre. Apparentemente la carriera della misteriosa cantante sembra così concludersi, fino a quando, il primo giorno del nuovo anno, Yū e Toshio vengono trasportati sulla Stella Piumata attraverso il medaglione magico che crea un varco interdimensionale tramite una pozzanghera. Pinopino comunica segretamente al ragazzo il suo intento di ridare a Yū i poteri magici a condizione che egli accetti di cancellare dalla sua mente il ricordo che Yū e Mami sono la stessa persona. Toshio acconsente alla rimozione di quella parte della sua memoria e Yū riacquista una nuova bacchetta (a forma di stella cadente) attraverso una vera e propria avventura fantasy. Il primo gennaio Mami riappare così al suo pubblico ricominciando a lavorare freneticamente fino a girare due film e incontrando sulla sua strada nuovi intriganti personaggi.

Giunti vicini alla fine dell'anno concesso da Pinopino, Yū viene informata da Posi e Nega che Mami scomparirà esattamente la sera del 30 giugno, e ciò la costringe a faticare nel destreggiarsi a declinare gli impegni a lungo termine che Tachibana vuole fissare per lei. Mami riesce tuttavia a ottenere che il grande concerto per il suo primo anno di carriera venga fissato per il 29 giugno e precisamente proprio nel grande ippodromo centrale dove la bambina aveva ricevuto i poteri magici. Giunti al fatidico giorno, Mami canta tutte le sue canzoni dando il meglio di sé e proponendo, a uno stadio gremito di persone, uno spettacolo fantastico. A una sola canzone mancante al termine della sua esibizione però, Pinopino richiama la ragazza sull'arca per riavere il medaglione, in quanto Toshio, nel frattempo, è riuscito a recuperare la memoria. Solo grazie alle pressanti richieste di Posi e Nega, ma soprattutto del pubblico reclamante la sua Idol nonostante una pioggia battente, Pinopino acconsente di far cantare a Mami la sua ultima canzone. Accompagnata da meravigliosi effetti magico-speciali creati dalla stessa arca, ma che la gente pensa siano opera della stessa regia, la magica ragazza canta la canzone del suo debutto terminando la performance con un congedo di addio al suo pubblico, sotto gli occhi esterrefatti del produttore Tachibana, il manager Kidokoro e dell'intero staff ignari del perché di quel saluto. Dopo aver detto ancora una volta a tutti grazie, Mami scompare in un arcobaleno di luci, lasciando un indelebile ricordo e una malinconia immensa. La serie animata si chiude con l'immagine di Yū e Toshio che, dopo aver visto ripartire l'arca, se ne vanno allontanandosi sotto la pioggia.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Principali[modifica | modifica wikitesto]

Yū Morisawa (森沢優 Morisawa Yū?) / Creamy Mami (クリィミーマミ Kurīmī Mami?)
La protagonista della serie. Bambina di 10 anni curiosa, vivace e altruista, con "l'argento vivo addosso", come la definisce il padre, è la "disperazione" della madre che la vede sempre troppo maschiaccio. Da sempre ha una cotta per il compagno di giochi Toshio, che conosce sin da quando erano piccoli. L'ideogramma del nome della protagonista corrisponde al significato di gentilezza. Creamy Mami è la controparte magica di Yū. Diventa per caso "il magico angelo della canzone"; nessuno conosce e dovrà conoscere la sua vera identità. Nel doppiaggio italiano il personaggio viene chiamato semplicemente Creamy.
Doppiata da Takako Ohta (giapponese), Donatella Fanfani (italiano) e Cristina D'Avena (italiano canzoni)
Toshio Ōtomo (大伴俊夫 Ōtomo Toshio?)
Ragazzo di 14 anni, amico di infanzia di Yū e grandissimo fan di Creamy Mami. Sebbene fatichi ad ammetterlo anche a se stesso, in realtà prova dei sentimenti per Yū.
Doppiato da Yū Mizushima (giapponese), Raffaele Farina (italiano).
Midori Kisaragi (如月みどり Kisaragi Midori?)
Il migliore amico e compagno di classe di Toshio. Simpatico ragazzone in carne e molto timido, vorrebbe conquistare il cuore di Yū.
Doppiato da Masahiro Anzai (giapponese), Enrico Maggi (italiano).
Posi (ポジ Poji?) e Nega (ネガ Nega?)
Due creature aliene provenienti dal pianeta Feather star (Stella piumata) dalle sembianze di micini (la prima di colore bianco e rosa dagli occhi azzurri; il secondo bianco e verde-acqua dagli occhi rosa), hanno il compito di aiutare Yū per l'uso dei suoi poteri. Posi e Nega significano rispettivamente proprio positivo e negativo rispecchiando i singoli caratteri: dolce consolatorio il primo e pessimista irascibile il secondo.
Doppiati da Yuko Mita e Kaneta Kimotsuki (giapponese), Lidia Costanzo e Graziella Porta (italiano).
Pino Pino (ピノピノ Pino Pino?)
Un folletto-alieno del pianeta Feather star (Stella piumata) che conferisce i poteri a Yū.
Doppiato da Seiko Nakano (giapponese), Gianfranco Gamba (italiano).

Secondari[modifica | modifica wikitesto]

Candida (森沢なつめ Morisawa Natsume?, Natsume Morisawa)
La madre di Yū, che gestisce col marito la creperia "Creamy crêpe"; giovanile, romantica e sportiva al volante, è spesso irascibile. Sembra essere lei in casa il vero capo-famiglia.
Doppiata da Mika Doi (giapponese), Milena Albieri (italiano).
Filippo (森沢哲夫 Morisawa Tetsuo?, Tetsuo Morisawa)
Il padre di Yū, che gestisce con la moglie la creperia "Creamy crêpe"; placido, gioviale e un po' sbadato, si fa molto spesso sottomettere dalle impetuose decisioni della moglie.
Doppiato da Akira Murakami (giapponese), Enrico Carabelli (italiano).
Jingle Pentagramma (立花慎悟 Tachibana Shingo?, Shingo Tachibana)
Il presidente della Parthenon Production etichetta musicale di Mami e Megumi. Tipico produttore nevrotico e dalle grandi ambizioni, a volte un po' narciso, è sempre vittima di enormi schiaffoni da parte di Megumi, a causa delle sue maggiori attenzioni per Mami.
Doppiato da Kazuhiko Inoue (giapponese), Antonello Governale (italiano).
Duenote Ayase (綾瀬めぐみ Ayase Megumi?, Megumi Ayase)
La collega-nemica di Creamy Mami. Innamorata da sempre del suo produttore Shingo, ma poco corrisposta, poiché le preferisce Creamy.
Doppiata da Saeko Shimazu (giapponese), Lisa Mazzotti (italiano) e Cristina D'Avena (italiano canzoni).
Hayato Kidokoro (木所 隼人 Kidokoro Hayato?)
Il manager di Mami e Megumi, viene più spesso chiamato Kidokoro manager (木所マネージャー Kidokoro Manējā?). Costantemente sottoposto alle ire di Shingo, Kidokoro è tanto pasticcione quanto simpatico.
Doppiato da Sukekiyo Kameyama (giapponese), Antonio Paiola (italiano).
Mamoru Hidaka (日高 守 Hidaka Mamoru?)
Un compagno di classe di Yū. Bambino venuto da Hokkaidō, sembra essere ancora in grado di ascoltare i segnali della natura in quanto cresciuto in una delle regioni nipponiche rimaste incontaminate dalla vita moderna e legata ai propri gusti tradizionali.
Doppiato da Naomi Zinbo (giapponese), Paolo Torrisi (italiano).
Joe Serpe (スネークジョー Sunēku Jō?)
Il "cattivo" della serie, è un giornalista senza scrupoli che cerca di scoprire la vera identità di Creamy Mami; infine si redimerà sposando una brava ragazza e mettendo su con lei un chiosco di street food giapponese (probabilmente okonomiyaki).
Doppiato da Takashi Nakaki (giapponese), Federico Danti (italiano).

Media[modifica | modifica wikitesto]

Anime[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Episodi de L'incantevole Creamy.

L'anime Creamy Mami è stato creato per promuovere Takako Ohta, una cantante idol adolescente, che viene appunto rappresentata nell'omonimo personaggio, sempre una cantante idol. La sigla di apertura giapponese Delicate ni Suki Shite (conosciuta in Italia come Dimmi che mi ami teneramente) è la sua prima canzone nel mondo reale. Questo si rivelò un grande successo, e l'anime viene considerato il pioniere di una strategia di marketing, il "media mix". I 52 episodi della serie furono trasmessi settimanalmente dalla Nippon Television dal 1º luglio 1983 al 29 giugno 1984.

Adattamenti e censure[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Adattamento e censura degli anime.

In alcune repliche è stato saltato l'episodio 37[3], intitolato Gli occhi di Marion, episodio dove viene toccato il tema del suicidio (anche se nella puntata in questione si tratta di uno scherzo effettuato verso la protagonista), andato in onda solo nella prima e in seguito ripristinato solo a partire dalla replica della stagione 1996/1997.

In Giappone, la serie ha un target primario di riferimento costituito principalmente da un pubblico di bambine (come anche in Italia e negli altri paesi dove è stata trasmessa), tanto che nella madre patria esiste anche la produzione di giocattoli e bambole orientata a tale target. Si era ritenuto che la puntata fosse guardabile da tale pubblico, idea che è riaffiorata anche in Italia con il suo ripristino nelle ultime messe in onda.

In Francia l'anime è stato trasmesso nel 1988 su La Cinq con il titolo Creamy, merveilleuse Creamy. In Spagna è stato trasmesso con il titolo El Broche Encatado nel 1992. In queste due nazioni la musica della sigla è la stessa di quella italiana.

È stato doppiato in cantonese dall'emittente TVB che l'ha trasmesso nel 1985 come 我係小忌廉 ("Io sono Creamy Mami").

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

Le canzoni cantate da Creamy nell'anime giapponese sono sette, di cui sei in Italia sono state cantate da Cristina D'Avena. L'adattamento italiano è avvenuto solo a livello di testi, mentre le musiche sono quelle originali giapponesi. Inoltre anche Megumi (Duenote) ha una sua canzone e nell'edizione italiana è stata eseguita ancora una volta da Cristina D'Avena.

All'epoca in Italia non si credette nella riuscita commerciale di un disco monografico (cosa che invece avvenne qualche mese dopo con la serie Kiss me Licia, il cui risultato sorprese al punto da arrivare a superare le 200.000 copie di vendita con l'assegnazione di un relativo disco di platino) e non se ne fece di niente. La serie fu esportata in Francia nel 1988 (acquistata dall'Italia) e qui, dato che c'era già esperienza sulla riuscita commerciale dei prodotti discografici tratti dai cartoni animati, fecero uscire l'album con tutte le canzoni di Creamy Mami su LP/MC (comprensivo dell'adattamento francese della sigla italiana, insieme alla pubblicazione della sua versione strumentale), insieme alla prima messa in onda francese. In Italia, anche dopo aver capito del potenziale dei dischi monografici, non fu mai fatto uscire un disco relativo alla serie, perché ormai il titolo non rappresentava più una novità. In tempi più recenti, ad anni di distanza dalla sua prima messa in onda, gli addetti ai lavori hanno comunicato che non c'erano più i diritti per la pubblicazione, facendo così definitivamente sfumare l'opportunità di un disco italiano di tutte le canzoni di Mami, nella loro versione originale.

I testi italiani sono stati scritti da Alessandra Valeri Manera.

  • Delicate ni sukishite (デリケートに好きして? lett. "Amateci delicatamente"): conosciuta in Italia con il titolo Dimmi che mi ami teneramente. In SIAE, è stata depositata con il titolo Amami con tenerezza. Sigla d'apertura nonché tema dell'intero anime. È anche la prima canzone con cui Creamy Mami debutta. È cantata da Takako Ōta (giapponese) e Cristina D'Avena (italiano).
  • Pajama no mamade (パジャマのままで? lett. "In pigiama"): il titolo italiano non è mai stato comunicato nell'anime. Prima sigla di chiusura dell'anime. In SIAE, è stata depositata con il titolo Angelo. Questa canzone è stata una delle meno eseguite da Creamy Mami ma viene comunque riproposta anche al concerto finale, ma nella versione italiana viene fatta durare inspiegabilmente di più. È cantata da Takako Ōta (giapponese) e Cristina D'Avena (italiano).
  • Love sarigenaku (LOVEさりげなく? lett. "Amore disinvolto"): conosciuta in Italia con il titolo Senz'altro amore. In SIAE, è stata depositata con il titolo: Sogni e in un episodio dell'anime (Gli occhi di Marion), viene intitolata Illusional Love. Seconda sigla di chiusura dell'anime. Viene proposta anche nell'ultimo concerto ma nella versione italiana è stata rimontata in maniera leggermente diversa. È cantata da Takako Ōta (giapponese) e Cristina D'Avena (italiano).
  • Yū no Creamy Mami (優のクリィミーマミ? lett. "La buona Creamy Mami"): il titolo italiano non è mai stato comunicato nell'anime ma in SIAE, il brano, è stato depositato con il titolo Sorriso. Per via del fatto che più titoli risultano "mozzati" dell'articolo e per via della coincidenza con buona parte dei titoli del disco francese con quelli italiani depositati, potrebbe essere che il titolo sia Un Sorriso; nel disco francese, il brano, è intitolato Un sourire. Canzone proposta sempre molto spezzettata e quasi esclusivamente come musica di sottofondo in vari episodi.
  • Bin kan rouge (BIN・KANルージュ? lett. "Rossetto delicato"): Il titolo italiano, diffuso, coincide con la traduzione del titolo giapponese. In SIAE, la canzone, risulta depositata con il titolo Felicità" (ma potrebbe essere più corretto La Felicità, per via dello stesso discorso di cui sopra. In Francia, il brano, è intitolato: Le Bonheur, che in italiano è tradotto in La Felicità). Il testo italiano, essendo molto diverso dall'originale, non ha nulla a che fare col titolo. È cantata da Takako Ōta (giapponese) e Cristina D'Avena (italiano).
  • Beautiful Shock (美衝撃(ビューティフル・ショック)?): il titolo italiano non è mai stato comunicato nell'anime ma in SIAE è depositato come Mia favola. Creamy Mami canta questa canzone per intero solo nell'ultimo concerto; è poi stata scelta come sigla finale del primo OAV. È cantata da Takako Ōta (giapponese) e Cristina D'Avena (italiano).
  • Sasayaite je t'aime (囁いてジュテーム-Je t'aime-? lett. "Sussurrando ti amo"): questa canzone viene eseguita solo per l'ultimo concerto ma nella versione italiana fu sostituita con Creamy Mami di Yū, forse perché non valeva la pena rifare un intero pezzo che si sente per pochissimi secondi solo nell'episodio finale.
  • Last Kiss de Good Luck! (ラストキッスでGOOD LUCK!?): brano presente nella serie, interpretato da Duenote Ayase (sempre con la voce di Cristina D'Avena). In SIAE, risulta depositato come Good Luck.

Edizione italiana[modifica | modifica wikitesto]

L'incantevole Creamy viene trasmesso in prima TV dal 3 febbraio 1985 sull'emittente Mediaset Italia 1[2] alle 20.00, all'interno del contenitore di cartoni animati I Cartonissimi (spin-off della trasmissione Bim Bum Bam), condotto da Paolo Bonolis insieme al pupazzo Uan, dove si rivelò un successo. L'anime venne in seguito replicato anche su altre emittenti tra cui: Rete 4 dal settembre 1986, Canale 5 dal maggio 1995, Italia Teen Television dal 16 agosto 2004, Boing dal 9 settembre 2007, DeA Kids dal 23 febbraio 2009, DeA Super dal 1º settembre 2010 e da Man-ga dal 24 dicembre 2014.

Il doppiaggio è stato curato dallo Studio PV sotto la direzione di Enrico Carabelli.[2] I nomi dei personaggi in molti casi sono rimasti quelli giapponesi originali: fanno eccezione Jingle Pentagramma (il cui nome originale è Shingo Tachibana), Duenote (Megumi), Candida (Natsume) e Filippo (Tetsuo). Per il nome della protagonista è stato usato Creamy che in realtà era l'aggettivo (cremosa, dolcissima) al posto del vero nome proprio Mami (comune nome giapponese). La Yamato Video distribuisce due cofanetti in DVD contenenti gli episodi della serie. Nel 2008 la DeAgostini distribuisce l'anime in DVD nelle edicole.

La sigla "L'incantevole Creamy" è cantata da Cristina D'Avena, che interpreta anche le canzoni di Creamy, le quali sono state adattate solo a livello di testi, a differenza della musica che rimane quella originale giapponese. Questa serie ha consacrato Cristina D'Avena come cantante standard per le sigle sulle reti Mediaset.

Passaggi sulla TV Italiana/Svizzera Italiana gratuita[modifica | modifica wikitesto]

  • 1985: Italia Uno (orario serale)
  • 1986: Rete Quattro (orario serale)
  • 1987: Rete Quattro (ora di pranzo)
  • 1988: Italia uno (orario pomeridiano)
  • 1990: Rete Quattro/Italia Uno (ora di pranzo)
  • 1995: Canale Cinque (orario pomeridiano)
  • 1996-1997: Italia Uno (orario mattiniero)
  • 2001: Italia Uno (orario pomeridiano)
  • 2004: Italia Teen Television (orario mattiniero e poi serale)
  • 2007: Italia Uno (orario pomeridiano - interrotto)
  • 2007: Boing (orario serale)
  • 2009: DeA Kids (orario pomeridiano)
  • 2010: DeA Super (orario pomeridiano)
  • 2011: Boing (orario serale)
  • 2012-2013: Italia Uno (orario mattiniero)
  • 2013-2014: RSI La 2 (orario serale)
  • 2013: Boing (orario serale)
  • 2014-2015: Italia Uno (orario mattiniero)

Manga[modifica | modifica wikitesto]

L'incantevole Creamy gode anche di una trasposizione manga, sceneggiata da Kazunori Itō e disegnato Yuko Kitagawa, che è stata pubblicata dalla Kodansha, in parallelo al corso della trasmissione televisiva e composta di tre tankōbon.

In Italia il manga è stato pubblicato per la prima volta sulla rivista Corriere dei Piccoli dal 24 marzo 1985[4] in una edizione colorata, con il titolo Creamy Mami.

OAV[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Episodi de L'incantevole Creamy.

Oltre alla serie televisiva sono stati prodotti quattro original anime video, due rimasti inediti in Italia. Inoltre Creamy compare anche in Majocco Club: Alien X - Terrore dalla dimensione A, un team-up del 1987 in cui sono presenti anche le altre tre eroine della Pierrot: Emi, Evelyn e Sandy.

Il ritorno di Creamy[modifica | modifica wikitesto]

L'incantevole Creamy: Il ritorno di Creamy (魔法の天使クリィミーマミ 永遠のワンスモア Mahō no tenshi Creamy Mami: Eien no once more?) è il primo OAV della serie, distribuito nel 1984.

In Italia l'OAV è stato trasmesso in coda agli episodi della serie su Italia 1 in 4 episodi da 16 minuti e mezzo. Furono tolti 26 minuti di sintesi della serie TV, la sigla di chiusura e la scena finale in cui Posi e Nega tornano a casa; il nome di Ai Hayakawa è stato cambiato in Marta Hayakawa. Nel 2006 la Yamato Video ha pubblicato l'OAV in DVD con un nuovo doppiaggio, le sigle originali, i nomi giapponesi dei personaggi e ha mantenuto le canzoni di Creamy in lingua originale (quindi non in versione italiana cantate da Cristina D'Avena).

Il lungo addio[modifica | modifica wikitesto]

L'incantevole Creamy: Il lungo addio (魔法の天使クリィミーマミ ロング・グッドバイ Mahō no tenshi Creamy Mami: Long Goodbye?) è il terzo OAV della serie, distribuito nel 1985.

L'OAV è stato trasmesso in coda agli episodi della serie su Italia 1 in episodi da 20 minuti. Furono tolte le sigle di apertura e chiusura, il prologo in cui Yu riceve il diploma delle scuole medie-inferiori e la scena in cui Megumi, sul set del film, fa il bagno in una fontana stile greco-romana. Nel 2006 la Yamato Video ha pubblicato l'OAV in DVD con un nuovo doppiaggio, le sigle originali, i nomi giapponesi dei personaggi e ha mantenuto le canzoni di Creamy in lingua originale (quindi non in versione italiana cantate da Cristina D'Avena).

Influenza su altre opere[modifica | modifica wikitesto]

L'incantevole Creamy ha impostato il format delle altre "maghette della Pierrot", vale a dire Evelyn e la magia di un sogno d'amore, Magica magica Emi, Sandy dai mille colori e Fancy Lala.

Posi e Nega sono stati parodiati nell'OAV Otaku no video, dove Misty May ha due compagni chiamati Posi-king e Nega-king.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Maho no Tenshi Creamy Mami L'incantevole Creamy Il cartone animato di Italia Uno - Principale. URL consultato il 20 marzo 2012.
  2. ^ a b c Il mondo dei doppiatori - L'incantevole Creamy. URL consultato il 20 marzo 2012.
  3. ^ Hit Parade Italia - Cartoni Animati: L'incantevole Creamy
  4. ^ http://www.onlyshojo.com/Immagini/corrierepiccoli/corriere185.JPG

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

anime e manga Portale Anime e manga: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di anime e manga