Il risveglio del dormiente

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Il risveglio del dormiente
Titolo originaleThe Sleeper Awakes
Altri titoliQuando il dormente si sveglierà
Portrait of H. G. Wells.jpg
Lo scrittore H. G. Wells
AutoreH. G. Wells
1ª ed. originale1898, 1910
Genereromanzo
Sottogenerefantascienza, distopia
Lingua originaleinglese
AmbientazioneLondra del futuro

Il risveglio del dormiente (The Sleeper Awakes) è un romanzo fantascientifico distopico di H. G. Wells pubblicato nel 1910, come riedizione di When the Sleeper Wakes, una storia a puntate pubblicata dal 1898 al 1899, tradotta in italiano per la prima volta nel 1907 col titolo Quando il dormiente si sveglierà.[1]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il romanzo narra la storia di un uomo di nome Graham che dorme per 203 anni e si sveglia in una Londra completamente trasformata, dove, grazie agli interessi composti sul suo conto in banca, è diventato l'uomo più ricco del mondo. Il protagonista si sveglia per vedere i suoi sogni realizzati e il futuro gli viene rivelato con tutti i suoi orrori e le sue deformazioni.

Anche se il risveglio di Graham sembra essere spontaneo, questo è stato indotto da Ostrog, il capo di una milizia che vuole conquistare il potere a discapito del Consiglio, un ente che sino a quel momento ha dominato il mondo con vile cattiveria e in nome del dormiente. Una volta destituito il Consiglio tramite una veloce rivolta del popolo innescata dal risveglio del dormiente ed enfatizzata da Ostrog, Graham prende a pieno titolo possesso di tutto. Ma si accorge ben presto che le notizie sul vero umore, sulle vere necessità, sulla povertà e le costrizioni lavorative del popolo gli vengono nascoste. Così, cercando di destituire Ostrog dai suoi propositi, Graham si accorge delle sue trame. Inizia pertanto una battaglia tra i due che terminerà con un imprevedibile e tragico epilogo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Edizioni di Il risveglio del dormiente, su Catalogo Vegetti della letteratura fantastica, Fantascienza.com. (aggiornato fino al gennaio 2010)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]