Il pianeta errante

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Il pianeta errante
Lingua originaleitaliano
Paese di produzioneItalia
Anno1966
Durata78 min
Rapporto1,85 : 1
Generefantascienza
RegiaAntonio Margheriti (come Anthony Dawson)
SoggettoIvan Reiner e Renato Moretti
SceneggiaturaIvan Reiner e Renato Moretti
ProduttoreJoseph Fryd, Walter Manley, Antonio Margheriti, Ivan Reiner
Casa di produzioneMercury Film International
Distribuzione (Italia)Dias Film (1966), InterCinema Distribuzione (1976)
FotografiaRiccardo Pallottini
MontaggioOtello Colangeli
MusicheAngelo Francesco Lavagnino
ScenografiaPiero Poletto
CostumiBerenice Sparano
TruccoItalia Cambi - Euclide Santoli
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Il pianeta errante è un film di fantascienza italiano diretto da Antonio Margheriti, con il consueto pseudonimo di Anthony M. Dawson. È il terzo dei quattro film della quadrilogia Gamma Uno, prodotta per il mercato televisivo statunitense[1], è interpretato, fra gli altri, da Giacomo Rossi Stuart e da Ombretta Colli.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il gruppo di astronauti della base spaziale Gamma Uno è impegnato nella ricerca delle cause di misteriosi terremoti che si verificano sul pianeta Terra. Si trovano così a contatto con un misterioso minuscolo pianeta rosso vivo e pulsante che si nutre di asteroidi attirandoli a sé con il gas.

L'equipaggio di Gamma Uno decide così di impiegare un ordigno a base di antimateria, ma per farlo deve scendere nelle viscere del pianeta, dove, a causa dello smarrimento del detonatore, uno degli astronauti dovrà sacrificarsi per farlo esplodere.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Margheriti - conosciuto con lo pseudonimo di Anthony M. Dawson utilizzato in quasi tutte le sue pellicole - ha girato i quattro film della quadrilogia Gamma Uno in soli tre mesi, trovandosi ad affrontare pesanti problemi di budget. Tuttavia, la serie ha avuto complessivamente sul mercato statunitense un buon riscontro tanto che la Metro-Goldwyn-Mayer ne ha deciso lo sfruttamento nelle sale prima della distribuzione televisiva.[1]

Il film è stato scritto e sceneggiato da Ivan Reiner e Renato Moretti. Aiuto regista di Margheriti per questo film - che è stato distribuito dalla Titanus - è stato Ruggero Deodato.

A detta dello stesso Margheriti, Il pianeta errante più che un nuovo capitolo del cinema di fantascienza di matrice italiana vuole essere un remake de Il pianeta degli uomini spenti. Lo testimonia il fatto che buona parte delle sequenze conclusive sono state girate utilizzando le medesime scenografie e montate con stile visionario e quasi psichedelico.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film in Italia è stato distribuito nelle sale dal 29 luglio 1966. Negli Stati Uniti è stato distribuito solo nel 1971, col titolo War Between The Planets.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Arturo Fabra, Gennaio con Antonio Margheriti, su Fantascienza.com, 22 dicembre 2006.
  2. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis (a cura di), Il pianeta errante, in Fantafilm. URL consultato il 27 dicembre 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]