Il pane perduto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Il pane perduto
Titolo originalepane perduto, Il
AutoreEdith Bruck
1ª ed. originale2021
Generenarrativa, memorialistico
Sottogenereautobiografico
Lingua originaleitaliano
ProtagonistiEdith Bruck

Il pane perduto è un romanzo autobiografico di Edith Bruck pubblicato in Italia, nel 2021 dall'editore La nave di Teseo.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

«La storia quella vera che nessuno studia che oggi ai più dà soltanto fastidio (che addusse lutti infiniti) d’un sol colpo ti privò dell’infanzia.»

(Nelo Risi)

Un racconto della sua vita. Da bambina la portò a vivere la tragedia della deportazione nei campi di Auschwitz, Dachau, Bergen-Belsen, in cui persero la vita la madre, il fratello e il padre.

Sopravvissuta con la sorella, il ritorno alla vita. Il non riuscirci anche tra quei suoi familiari che non avevano conosciuto la realtà del lager.

Un viaggio, da Israele, ove non si inserì, e poi in diverse capitali europee e finalmente il riconciliarsi con sé con la sua nuova vita in Italia, dove ha lavorato, si è fermata a vivere e si sposò con Nelo Risi.

Una testimonianza, una memoria come pane quotidiano e un interrogarsi sulla vita, sul futuro, in una finale, intensa, profonda lettera a Dio.

Sommario[modifica | modifica wikitesto]

  • Epigrafe
  • La bambina scalza
  • 11152
  • Nuova vita
  • La realtà
  • La fuga
  • Uno, due, tre, uno, due, tre...
  • Lettera a Dio
  • Nota al testo

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]