Il padrone della città

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Il padrone della città
Titolo originale(trasl.) Igra na chuzhom pole
AutoreAleksandra Marinina
1ª ed. originale1993
1ª ed. italiana1998
Genereromanzo
Sottogeneregiallo
Lingua originalerusso
AmbientazioneRussia
ProtagonistiAnastasija Pavlovna Kamenskaja (Nastja)
CoprotagonistiEdward Petrovich Denisov

Il padrone della città (Игра на чужом поле) è un romanzo di Aleksandra Marinina pubblicato nel 1993, rappresenta il libro d'esordio del personaggio letterario di Anastasija Pavlovna Kamenskaja (Nastja), trentenne ispettrice della polizia di Mosca. Nastja comparirà in successivi 14 romanzi.

La trama[modifica | modifica wikitesto]

A differenza di altri luoghi dell'ex Unione Sovietica la città di Y prospera grazie alla pacificazione operata dal magnate-capomafia Denisov. L'apprezzato e lussuoso centro benessere "Girasoli" è frequentato da ricchi clienti, la poliziotta Nastja Kamenskaja è capitata li per caso per una terapia riabilitativa. Si troverà coinvolta in casi di omicidio, sfruttamento della prostituzione e cinematografia pornografica; la polizia locale inizialmente non apprezzerà il suo contributo, sarà però ufficiosamente ingaggiata da Denisov che non può tollerare criminalità (che non sia la sua) nella città.[1][2]

Edizioni in italiano[modifica | modifica wikitesto]

  • Aleksandra Borisovna Marinina, Il padrone della città, traduzione di Margherita Crepax, Piemme, Casale Monferrato 1998

Trasposizione sullo schermo[modifica | modifica wikitesto]

Il romanzo ha dato origine all'episodio Kamenskaya: Igra na chuzhom pole, uscito nel 2000 nella serie televisiva dedicata a Anastasia Kamenskaya.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il padrone della città, su libreriauniversitaria.it. URL consultato il 13 febbraio 2021.
  2. ^ Il padrone della città, su libraccio.it. URL consultato il 13 febbraio 2021.
  3. ^ (EN) Kamenskaya: Igra na chuzhom pole (2000), su imdb.com. URL consultato il 13 febbraio 2021.