Il mondo è in pericolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il mondo è in pericolo
Titolo originale They came to Baghdad
Autore Agatha Christie
1ª ed. originale 1951
1ª ed. italiana 1951
Genere Romanzo
Sottogenere spionaggio
Lingua originale inglese
Preceduto da Un delitto avrà luogo
Seguito da Fermate il boia

Il mondo è in pericolo è una storia di spionaggio scritta da Agatha Christie e pubblicata per la prima volta nel 1951. La scrittrice per l'ambientazione si è ispirata ai viaggi compiuti a Baghdad col secondo marito, l'archeologo Max Mallowan. Stampato il 15 settembre del 1951 nella collana Il Giallo Mondadori con il numero 137.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Victoria Jones è una ragazza molto speciale, con un animo molto romantico. Quando conosce un giovanotto di nome Edward, che è in partenza per Baghdad, non ci pensa su due volte e s'imbarca anche lei alla volta del Medio Oriente. Giunta lì, trova una camera in albergo e parte alla ricerca di un lavoro e del suo Edward. Una sera un uomo ferito entra nella sua camera d'albergo e le mormora tre parole prima di morire: "Lucifero...Bassora... Lefarge...". La ragazza si trova così coinvolta in una storia di spionaggio internazionale, e suo malgrado solo grazie a lei si riuscirà a scoprire un complotto di proporzioni immani.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]