Il mio migliore amico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il mio migliore amico
Il mio migliore amico.jpg
Dany Boon e Daniel Auteuil in una scena del film
Titolo originale Mon meilleur ami
Paese di produzione Francia
Anno 2006
Durata 94 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere commedia
Regia Patrice Leconte
Sceneggiatura Olivier Dazat, Patrice Leconte, Jérôme Tonnerre
Produttore Olivier Delbosc, Marc Missonnier
Fotografia Jean-Marie Dreujou
Montaggio Joëlle Hache
Effetti speciali AutreChose
Musiche Xavier Dermeliac
Costumi Sandrine Bernard
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Il mio migliore amico è un film francese di Patrice Leconte del 2006.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

François è un mercante d'arte di successo. Durante una cena fra colleghi, la sua socia, Catherine, lo accusa di non avere alcun amico a causa del suo egoismo, indifferenza e freddezza. François, ferito nell'orgoglio, promette che entro dieci giorni presenterà loro il suo migliore amico e inizia a cercare tra le sue conoscenze. Ben presto si rende conto che tutte le persone che conosce lo considerano un individuo calcolatore e senza scrupoli. Per caso incontra Bruno, un autista di taxi dal carattere semplice ed estroverso, appassionato di giochi a quiz, che lo aiuta nella sua ricerca. François decide di far passare Bruno come suo migliore amico per non perdere la faccia davanti ai suoi colleghi, ma si lascia vincere dalla semplicità e spontaneità di Bruno che instaura con lui un rapporto speciale: i due iniziano ad uscire insieme e a confidarsi, François conosce anche i genitori di Bruno e fa loro un favore (che però lascia un pò interdetto Bruno, visto che il gesto dimostra anche che François crede che si possa comprare l'affetto delle persone) , Bruno inoltre riesce a spezzare la corazza della figlia di François, adolescente disincantata e chiusa con il padre. François, anche se ormai apprezza l'amicizia di Bruno, non può far a meno di portare avanti la scommessa e per dimostrare a sè stesso e agli altri di avere un amico, lo sottopone ad una prova che farebbe solo una persona molto legata: rubare un prezioso vaso in casa sua, per fargli riscuotere l'assicurazione. Bruno si accinge al furto: ma trova tutti gli i conoscenti di François ad attenderlo., nascosti in casa. François è raggiante e non capisce lo sgomento di Bruno e di Chaterine, delusi da lui. Bruno rompe il prezioso vaso e va via. Nei giorni successivi Bruno sparisce, così lui va a trovarlo a casa, ma trova solo i suoi genitori che gli spiegano che Bruno è andato via per qualche giorno per superare una delusione: ha scoperto che la fidanzata lo tradiva con il suo migliore amico (loro vicino di casa ed amico d'infanzia ) . François rimane molto amareggiato, ma riesce comunque a vedere Bruno che ha coronato uno dei suoi sogni: partecipare a "Chi vuol essere milionario?" . Dato che la domanda finale è di storia dell'arte, Bruno chiama l'ex amico, che gli dà facilmente la risposta giusta, questo però sembra non bastare a riavvicinarli. Al compleanno di François che è fianlmente cambiato e stavolta è circondato da amici e personer care, però Bruno arriva inaspettatamente , avendo perdonato l'amico e i due si riappacificano.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema