Il mio amico Babbo Natale 2

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Il mio amico Babbo Natale 2
Il mio amico Babbo Natale 2 (2006).jpg
Titoli di testa del film TV
PaeseItalia
Anno2006
Formatofilm TV
Generecommedia, fantastico
Durata90 min
Lingua originaleitaliano
Crediti
IdeatoreFausto Brizzi
RegiaLucio Gaudino
SoggettoPietro Valsecchi
SceneggiaturaPaolo Marchesini, Francesca Demichelis
Interpreti e personaggi
MontaggioValentina Girodo
MusicheAndrea Guerra
ScenografiaRoberto Tombola
ProduttorePietro Valsecchi, Camilla Nesbitt
Produttore esecutivoNova Films srl
Casa di produzioneTaodue
Prima visione
Data22 dicembre 2006
Rete televisivaCanale 5

Il mio amico Babbo Natale 2 è un film TV andato in onda in prima TV nel 2006, diretto da Lucio Gaudino. È il sequel de Il mio amico Babbo Natale andato in onda nel 2005 e scritto da Fausto Brizzi e Marco Martani.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Pochi giorni prima di Natale si verifica una lunga serie di furti di giocattoli compiuta da un uomo travestito da Babbo Natale chiamato Mario Cimatti (Gerry Scotti). A risolvere con successo il caso interviene Ezechiele (Lino Banfi): il simpatico vecchietto cattura il ladro e scopre un orfanotrofio in cui la direttrice vieta i festeggiamenti natalizi. Ora il suo obiettivo si sdoppia: recuperare i regali rubati e insegnare ai bambini a festeggiare, il tutto in meno di 24 ore. Per aiutare l'orfanotrofio, Ezechiele chiede aiuto a Mario, che nel frattempo era finito in galera per il furto dei giocattoli, dopodiché si presentano dalla direttrice come nuovi maestro e cuoco perché quelli precedenti sono finiti in galera al posto di Mario grazie all'intervento di Ezechiele. Mentre il vecchietto comincia a spiegare le lezioni e interrogare i bambini, Mario conosce Livia, una ragazza che lavora come aiutante cuoco: tra una cosa tira l'altra, si scopre che anche la ragazza vive nell'orfanotrofio perché nella vita è stata spesso sfortunata e che Mario, dopo aver chiacchierato con lei, scopre che nel computer della direttrice c'è l'archivio delle adozioni perché vuole scoprire che fine ha fatto sua madre. Ezechiele, durante una delle sue lezioni, scopre che le penne non scrivono più e la risposta è semplice: in quella casa non c'è amore. Allora escogita un piano: chiede a Livia di portare i bambini fuori alle giostre per far respirare loro l'atmosfera natalizia. Durante l'uscita, i bambini si divertono tanto e tra Mario e Livia comincia a nascere qualcosa di più che un'amicizia ma devono rientrare subito perché la direttrice, che era uscita a sbrigare delle commissioni, è tornata e non si deve accorgere di niente. Dopo una breve discussione prima con Mario e poi con il Decano, Ezechiele chiede ancora una volta aiuto a Livia, chiedendole se ci fosse un albero di Natale e la ragazza lo porta nella serra dove, con l'aiuto di una carta magica, fa crescere un abete per farlo diventare l'albero di Natale da abbellire all'ingresso. Fatto questo, Ezechiele chiede ai bambini di addobbare l'albero con qualsiasi cosa perché il tempo stringe e lui deve recuperare la refurtiva: finito l'addobbamento, comincia a far cantare i bambini intorno a esso mentre Mario raggiunge Livia nella serra. Qui l'uomo le confida che nel computer il suo nome non c'era e, dopo un breve diverbio, la ragazza gli racconta la verità: lei ha una figlia che è Tea, la bambina con gli occhiali e per vederla tutti i giorni si è fatta assumere dalla direttrice sotto ricatto; mentre accade ciò, Tea ascolta la conversazione da dietro un cespuglio e, dopo aver saputo la verità, scappa piangendo. Durante un giro, Livia trova la bambina, che la accusa di non averle detto la verità e la ragazza, in lacrime, le chiede perdono per non averlo fatto. In quel momento, arriva la direttrice che, sentendo degli strani rumori nell'aria, capisce di essere stata ingannata e si precipita all'ingresso dove blocca i bambini che stavano cantando e minaccia Livia stessa che non avrà più sua figlia. Intanto Mario, prima di andare nel luogo dove ci sono i giocattoli, chiede a Ezechiele dove si trova sua madre e il vecchietto lo accontenta: torna indietro nel passato e scopre che la donna lo ha portato in quella casa non perché non lo voleva ma per salvarlo dal padre, che era un uomo violento. Poi scopre che la donna è anche piena di debiti e se entro 10 giorni non salda il debito, verrà sfrattata. Allora Mario, dopo aver ingannato Ezechiele, ha un'idea: vuole vendere i giocattoli a dei criminali e ottenere dei soldi con i quali vuole aiutare sua madre, che ha ritrovato dopo molto tempo. La madre di Mario però non vuole i suoi soldi sporchi e gli promette che insieme troveranno una soluzione. Mario dice ai criminali a cui voleva vendere i giocattoli che non li vende più, così uno dei criminali lo accoltella e Mario per difendersi li minaccia con una pistola. Intanto il Decano della compagnia dei Babbo Natale, si finge presidente degli orfanotrofi e sospende la direttrice. Mario restituisce i giocattoli ad Ezechiele, che rivela ai bambini di essere Babbo Natale dopo la consegna. Mario viene portato in ospedale e operato dal Decano, risvegliandosi il giorno di Natale a fianco alla madre, che diventa maestra dell'orfanotrofio, Livia diventa la direttrice ed è pronta ad iniziare una nuova vita con Mario e sua figlia, mentre Ezechiele, divenuto amico di Mario dopo aver risolto i suoi problemi con la giustizia, vola felicemente sulla sua slitta insieme a Coppelia.

Ascolti[modifica | modifica wikitesto]

Prima TV Italia Telespettatori Share
22 dicembre 2006 5.429.000 22,66%

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione