Il massacro dei Sioux

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il massacro dei Sioux
Titolo originaleThe Great Sioux Massacre
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno1965
Durata91 min
Rapporto2.35 : 1
Generewestern
RegiaSidney Salkow
SoggettoSidney Salkow, Marvin A. Gluck
SceneggiaturaMarvin A. Gluck
ProduttoreLeon Fromkess
Casa di produzioneLeon Fromkess-Sam Firks Productions
FotografiaIrving Lippman
MontaggioWilliam Austin
Effetti specialiJack Erickson, Charles E. Dolan
MusicheEmil Newman, Edward B. Powell
ScenografiaFrank Paul Sylos
CostumiFrank Tauss
TruccoBeau Wilson
Interpreti e personaggi

Il massacro dei Sioux (The Great Sioux Massacre) è un film del 1965 diretto da Sidney Salkow.

È un western statunitense con Joseph Cotten, Darren McGavin e Philip Carey. È incentrato sulle vicende che portarono alla battaglia del Little Bighorn del 1876 e alla morte del colonnello George Armstrong Custer.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film, diretto da Sidney Salkow su una sceneggiatura di Marvin A. Gluck e un soggetto degli stessi Salkow e Gluck, fu prodotto da Leon Fromkess[1] per la Leon Fromkess-Sam Firks Productions[2] e girato a Pendleton, in Oregon, e negli studios di Old Tucson a Tucson, Arizona.[3] I titoli di lavorazione furono The Custer Massacre e Massacre at the Rosebud.[4]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film fu distribuito con il titolo The Great Sioux Massacre negli Stati Uniti nel settembre 1965[5] al cinema dalla Columbia Pictures.[2]

Altre distribuzioni:[5]

  • in Germania Ovest il 24 novembre 1965 (Entscheidung am Big Horn)
  • in Svezia il 17 gennaio 1966 (General Custers sista strid)
  • in Finlandia il 28 gennaio 1966 (Viimeiset urhot)
  • nel Regno Unito il 31 gennaio 1966
  • in Danimarca il 14 febbraio 1966 (Den store Sioux massakre)
  • in Austria nel marzo del 1966 (Entscheidung am Big Horn)
  • in Argentina (La gran represalia)
  • in Brasile (O Grande Massacre)
  • in Canada (Le massacre des sioux)
  • in Spagna (La gran matanza Sioux)
  • in Francia (Le massacre des Sioux)
  • in Grecia (I sfagi ton kokkinon daimonon)
  • in Italia (Il massacro dei Sioux)

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Secondo il Morandini "le scene di battaglia sono discrete, la descrizione dei Sioux è onesta".[6]

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

La tagline è: Blood-Vengeance Clashed With Custer's Cavalry!.[7]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) IMDb - Cast e crediti completi, su imdb.com. URL consultato il 7 gennaio 2014.
  2. ^ a b (EN) IMDb - Crediti per le compagnie, su imdb.com. URL consultato il 7 gennaio 2014.
  3. ^ (EN) IMDb - Luoghi delle riprese, su imdb.com. URL consultato il 7 gennaio 2014.
  4. ^ (EN) American Film Institute, su afi.com. URL consultato il 7 gennaio 2014.
  5. ^ a b (EN) IMDb - Distribuzioni, su imdb.com. URL consultato il 7 gennaio 2014.
  6. ^ MYmovies, su mymovies.it. URL consultato il 7 gennaio 2014.
  7. ^ (EN) IMDb - Tagline, su imdb.com. URL consultato il 7 gennaio 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema