Il martello di Charlot

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Il martello di Charlot
Il corto completo
Titolo originaleThe Fatal Mallet
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno1914
Durata14 min
Dati tecniciB/N
rapporto: 1,33:1
film muto
Generecomico
RegiaMack Sennett
SceneggiaturaMack Sennett
ProduttoreMack Sennett
Casa di produzioneKeystone Pictures Studio
FotografiaFrank D. Williams
MusicheEthan Uslan
Interpreti e personaggi

Il martello di Charlot (The Fatal Mallet) è un film del 1914 scritto, prodotto, diretto e interpretato da Mack Sennett. Il cortometraggio, prodotto dalla Keystone Pictures Studio, fu completato il 16 maggio 1914 e distribuito negli Stati Uniti dalla Mutual Film il 1º giugno.[1] In italiano è stato trasmesso in TV anche col titolo Charlot e il martello,[2] mentre in inglese è noto anche come Hit Him Again, The Pile Driver e The Rival Suitors.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

In un parco, Charlot e un altro uomo si contendono una bella ragazza, arrivando anche a tirarsi dei mattoni. Lei, seccata, finisce per concedere le proprie attenzioni a un altro uomo, vestito in modo elegante. Allora, Charlot e il suo primo rivale si alleano per far fronte al nemico comune e lo coinvolgono nella battaglia di mattoni, finché Charlot non lo mette K.O. con un martello. I due portano l'uomo in un capanno, ma qui Charlot stordisce anche il proprio compagno e torna dalla ragazza, che nel frattempo stava venendo corteggiata persino da un bambino. Charlot viene raggiunto dall'uomo elegante e, dopo una breve zuffa, lo getta in un laghetto, ma viene a sua volta buttato in acqua dal suo primo rivale che può così allontanarsi indisturbato con la ragazza.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Data di uscita[modifica | modifica wikitesto]

Le date di uscita internazionali sono state:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Jeffrey Vance, Note sui film e sul restauro, in Cecilia Cenciarelli (a cura di), Charlie Chaplin. Le comiche Keystone, Bologna, Cineteca di Bologna, 2010, p. 32, ISBN 9788895862590.
  2. ^ Venerdì 1º gennaio 2016, su fuoriorario.rai.it, Rai. URL consultato il 20 gennaio 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema