Il grande ritratto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Il grande ritratto
Buzzati2.jpg
Dino Buzzati (1906 – 1972)
AutoreDino Buzzati
1ª ed. originale1960
Genereromanzo
Sottogenerefantascienza
Lingua originaleitaliano

Il grande ritratto è un romanzo fantascientifico del 1960 di Dino Buzzati.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

In un misterioso centro di ricerche, avviene la realizzazione di una gigantesca "Macchina Pensante", un supercomputer inizialmente pensato per scopi militari in grado di riprodurre la coscienza umana. In realtà nel corso della storia l'identità del supercomputer assume connotati imprevisti, configurandosi come creatura ibrida (uomo,donna, creatura, macchina) con 25 anni di anticipo rispetto al Manifesto Cyborg di Donna Haraway. E le domande si affollano nella mente dei personaggi, come questa:"E sogna, anche?" che anticipa di otto anni il celebre racconto di Philip K. Dick Do androids dream of electric sheep? (1968), creano suspense e danno spessore psicologico al racconto.

Critica[modifica | modifica wikitesto]

C'è chi ha definito Il grande ritratto come uno dei primi se non addirittura "il primo romanzo italiano di fantascienza", in quanto appare svincolato sia dal gusto fumettistico degli albori del genere in Italia sia dall'influenza dell'intellettualismo anglosassone.[1] Il romanzo suscitò però, alla sua uscita, una certa delusione e molti dubbi perfino tra la critica solitamente favorevole all'autore, in quanto apparteneva "a un genere allora considerato troppo «basso» da un sistema letterario che già faticava molto ad accettare il fantastico".[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Fausto Gianfranceschi, Dino Buzzati, Torino, Borla, 1967, pp. 64-66.
  2. ^ Giuseppe Fanelli, Dino Buzzati: bibliografia della critica, 1933-1989, QuattroVenti, 1990, p. 19, ISBN 978-88-392-0186-7.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Dino Buzzati, Il grande ritratto, Collana Narratori Italiani n. 75 Mondadori, Milano, 1ª ed. agosto 1960-1961; Collana Scrittori Italiani e Stranieri, 1972-1974; Introduzione di Maurizio Vitta, Collana Oscar Narrativa n. 373, Mondadori, 1981; Collana Scrittori Moderni, 1982-2000.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]