Il gran sole di Hiroscima

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Il gran sole di Hiroshima)
Il gran sole di Hiroscima
Titolo originale Sadako Will Leben
Autore Karl Brückner
1ª ed. originale 1961
1ª ed. italiana 1964
Genere romanzo
Sottogenere storico, per ragazzi
Lingua originale tedesco
Ambientazione Hiroshima
Protagonisti Sadako

Il gran sole di Hiroscima (Sadako will leben) è un romanzo del 1961 di Karl Brückner. Questo libro fu pubblicato per la prima volta nel 1961, vinse il Premio dello Stato Austriaco, il Premio «Città di Vienna» e la Lista d'onore Andersen ed è stato tradotto in diverse lingue.

L'autore descrive la storia di Sadako, una bambina giapponese sopravvissuta all'esplosione nucleare di Hiroshima.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

L'obiettivo del "Progetto Manhattan" fu quello di generare il massimo effetto distruttivo ottenendo la resa del Giappone e la pace tra i due paesi. Due bambini uno di undici anni di nome Shigheo e una bambina di 4 anni di nome Sadako riuscirono a sopravvivere, non essendosi bruciati esternamente. Il loro padre il Signor Sasaki fu mandato nell'esercito giapponese e venne dato per disperso, ma qualche giorno dopo il trattato di pace, essendo finita la guerra, lui tornò trovando la moglie Yasuko Sasaki, i due bambini e nient'altro. Ora vivono in una baracca ma con un po' di fortuna e di furbizia, la famiglia riesce a sopravvivere al momento di crisi vendendo oggetti ancora usabili al mercato nero e anche perché il Signor Sasaki con la proposta del prestito di Scibuta riesce ad aprire una nuova bottega da barbiere.

Passati i dieci anni dal grande spavento, Sadako, ormai grande, partecipa ad una staffetta in bicicletta da Tokyo a Hiroshima. Ma dopo la gara, Sadako si sente male e viene portata in ospedale, è malata a causa degli effetti provocati dalle radiazioni della bomba atomica. Dopo qualche mese trascorso in ospedale, la ragazza muore. "Il leggero chiarore diventò una luce abbagliante. Gli occhi di Sadako si spalancarono. Contemplavano il cielo, nel suo eterno splendore".

Edizioni italiane[modifica | modifica wikitesto]