Il gioco non vale la candela

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giocatori di carte in un dipinto del 1620 di Adam de Coster

"Il gioco non vale la candela" è un'espressione idiomatica della lingua italiana. La locuzione è utilizzata quando si vuole esprimere la propria riluttanza a compiere un sacrificio che non farà ottenere un utile proporzionato.

Origini della frase[modifica | modifica wikitesto]

Questa espressione è di origine medievale (del XVI secolo secondo altre fonti)[1][2]. A quei tempi era necessario usare candele o lampade ad olio per qualunque attività notturna e il costo delle candele, specialmente per le classi sociali più basse, poteva diventare una spesa considerevole. Era quindi consuetudine, per i giocatori di carte, lasciare una piccola somma (o a volte una vera e propria candela) al proprietario della casa che li ospitava o all'oste della locanda.
Il modo di dire si diffuse rapidamente tra i giocatori d'azzardo, per indicare partite in cui si era perso molto denaro o nelle quali le vincite erano state così basse da non coprire nemmeno la piccola spesa lasciata per la candela.[1]

Espressioni idiomatiche con lo stesso significato[modifica | modifica wikitesto]

In altre lingue[modifica | modifica wikitesto]

  • Inglese: It isn't worth the trouble
  • Francese: Le jeu ne vaut pas la chandelle
  • Polacco: Gra nie jest warta świeczki

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Salvatore Di Rosa, Perché si dice, Club degli Editori, 1980.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]