Il figlio di Saul

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il figlio di Saul
Saul fia.png
Una scena del film
Titolo originale Saul fia
Lingua originale ungherese
Paese di produzione Ungheria
Anno 2015
Durata 107 min
Rapporto 1.37 : 1
Genere drammatico
Regia László Nemes
Sceneggiatura László Nemes, Clara Royer
Produttore Gábor Sipos, Gábor Rajna
Produttore esecutivo Judit Stalter
Casa di produzione Laokoon Filmgroup
Distribuzione (Italia) Teodora Film
Fotografia Mátyás Erdély
Musiche László Melis
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Il figlio di Saul (Saul fia) è un film del 2015 diretto da László Nemes. Ha partecipato in concorso al Festival di Cannes 2015,[1] dove ha vinto il Grand Prix Speciale della Giuria.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Saul Ausländer è un membro ungherese del Sonderkommando, il gruppo di prigionieri ebrei isolati dal campo e costretti ad assistere i nazisti nella loro opera di sterminio. Mentre sgombera e pulisce una delle camere a gas, Saul vede uccidere dai medici nazisti un ragazzo inspiegabilmente sopravvissuto alla gassificazione. L'uomo, che sostiene che il ragazzo morto sia suo figlio, vuole evitargli la cremazione per offrirgli una degna sepoltura. A questo scopo si mette alla ricerca di un rabbino.

Premi[modifica | modifica wikitesto]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (FR) Saul fia - Festival de Cannes 2015, festival-cannes.fr. URL consultato il 19 maggio 2015.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema