Il cugino di Jerry

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Il cugino di Jerry
Il cugino di Jerry.png
Titolo originaleJerry's Cousin
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneUSA
Anno1951
Durata7 min
Rapporto1,37:1
Genereanimazione, commedia
RegiaWilliam Hanna, Joseph Barbera
SceneggiaturaWilliam Hanna, Joseph Barbera
ProduttoreFred Quimby
Casa di produzioneMetro-Goldwyn-Mayer
Distribuzione (Italia)Metro-Goldwyn-Mayer
MusicheScott Bradley
ScenografiaRichard Bickenbach
AnimatoriRay Patterson, Ed Barge, Kenneth Muse, Irven Spence
Doppiatori originali
Paul Frees: Muscolotto
Doppiatori italiani
Roberto Del Giudice: Muscolotto

Il cugino di Jerry (Jerry's Cousin) è un film del 1951 diretto da William Hanna e Joseph Barbera. È il cinquantasettesimo cortometraggio animato della serie Tom & Jerry, prodotto dalla Metro-Goldwyn-Mayer e uscito negli Stati Uniti il 7 aprile 1951. Venne nominato per l'Oscar al miglior cortometraggio d'animazione ai Premi Oscar 1951, perdendolo però a favore di Gerald McBoing-Boing, una produzione UPA.

Il design di Muscolotto, il cugino di Jerry, venne riutilizzato per il personaggio del topo Freddie nel film direct-to-video Tom & Jerry e l'anello incantato. Si tratta di una semplice citazione, e i due personaggi non hanno altro in comune.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Al vicolo Hogan il forzuto topo Muscolotto è impegnato a picchiare Butch, Vercingetorige e diversi altri gatti, finché non riceve una lettera da suo cugino Jerry, che gli chiede di aiutarlo contro Tom. Muscolotto parte subito e, arrivato a casa di Jerry, dimostra subito a Tom con chi ha a che fare, mettendogli in bocca uno dei candelotti di dinamite che il gatto stava tirando a Jerry. Tom si allena per diventare più forte, ma tutti i suoi tentativi di liberarsi di Muscolotto sono vani, e l'unico a ricevere dei danni è lo stesso Tom. Il gatto allora chiama un trio di gatti mercenari perché caccino via Muscolotto. Il topo però mette presto i tre fuori combattimento, e li butta fuori di casa. Dopo aver visto la scena, Tom si arrende e si inchina ai piedi di Muscolotto, baciandoglieli. Prima di andarsene, Muscolotto regala a Jerry dei vestiti uguali ai suoi, così Tom finisce per inchinarsi a Jerry credendo che si tratti del cugino.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]