Il caso Minamata

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Il caso Minamata
Johnny Depp nel ruolo di William Eugene Smith in una scena del film
Titolo originaleMinamata
Lingua originaleinglese, giapponese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno2020
Durata115 min
Generedrammatico, biografico
RegiaAndrew Levitas
Soggettodal libro di Aileen Mioko Smith e William Eugene Smith
SceneggiaturaDavid Kessler, Andrew Levitas, Jason Forman, Stephen Deuters
ProduttoreSam Sarkar, Bill Johnson, Gabrielle Tana, Kevan Van Thompson, David Kessler, Zach Avery, Andrew Levitas, Johnny Depp
Produttore esecutivoJason Forman, Stephen Deuters, Peter Touche, Stephen Spence, Peter Watson, Marie-Gabrielle Stewart, Phil Hunt, Compton Ross, Norman Merry, Peter Hampden, Nobu Hasegawa, Joe Hasegawa
Casa di produzioneMetalwork Pictures
Distribuzione in italianoEagle Pictures
FotografiaBenoît Delhomme
MontaggioNathan Nugent
Effetti specialiMarc Hutchings
MusicheRyūichi Sakamoto
ScenografiaTom Foden
CostumiMomirka Bailovic
TruccoLena Dodocic, Natasa Krstic
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Il caso Minamata (Minamata) è un film del 2020 diretto da Andrew Levitas.

La pellicola, adattamento cinematografico dell'omonimo libro di Aileen Mioko Smith e William Eugene Smith, narra le vicende di quest'ultimo, fotografo documentarista statunitense, interpretato da Johnny Depp.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

1971, il celebre fotografo di guerra William Eugene Smith, col tempo diventato un misantropo alcolizzato, cerca di convincere il direttore della rivista Life Robert Hayes ad indagare sull'avvelenamento da mercurio degli abitanti di Minamata, vicenda portata alla sua attenzione da un'appassionata traduttrice giapponese, Aileen.

Smith si convince a partire e a fare del suo meglio per portare agli occhi dell'opinione pubblica mondiale gli effetti devastanti dell'avidità aziendale, complice la polizia locale e il governo. Armato solo della sua fotocamera contro una potente società, Smith deve conquistare la fiducia della comunità distrutta e scattare le immagini che porteranno questa storia al mondo.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il 23 ottobre 2018 viene annunciato il film, diretto da Andrew Levitas con protagonista Johnny Depp nei panni di William Eugene Smith.[1]

Le riprese del film si sono svolte in Giappone, Serbia e Montenegro.[2]

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

Il primo trailer del film è stato diffuso l'8 ottobre 2020.[3]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Cast artistico e tecnico al Festival di Berlino 2020

Il film è stato presentato il 21 febbraio 2020 alla 70ª edizione del Festival internazionale del cinema di Berlino.[4] In Italia è stato trasmesso per la prima volta il 17 settembre 2021 su Sky Cinema Uno.[5]

Casi mediatici[modifica | modifica wikitesto]

Nell'agosto 2021 Johnny Depp ha dichiarato di temere che l'industria di Hollywood volesse boicottare questo film a causa delle sue vicissitudini legali e private.[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Andreas Wiseman, Johnny Depp To Star As Photojournalist W. Eugene Smith In Thriller ‘Minamata’, HanWay To Launch Sales – AFM, su deadline.com, 23 ottobre 2018. URL consultato il 1º marzo 2020.
  2. ^ (EN) Andreas Wiseman, First Look At Johnny Depp As Photographer W. Eugene Smith In ‘Minamata’; Bill Nighy Joins Cast, su deadline.com, 31 gennaio 2019. URL consultato il 1º marzo 2020.
  3. ^ Filmato audio ONE Media, MINAMATA Official Trailer (2021) Johnny Depp, Bill Nighy, Drama Movie HD, su YouTube, 8 ottobre 2020. URL consultato l'8 ottobre 2020.
  4. ^ (EN) Andreas Wiseman, Berlin Film Festival Adds Johnny Depp, Tilda Swinton, Jia Zhangke, Agnieszka Holland Movies & Hillary Clinton Docuseries, su deadline.com, 14 gennaio 2020. URL consultato il 1º marzo 2020.
  5. ^ I migliori film da vedere a settembre 2021 in uscita in streaming e al cinema. FOTO, su tg24.sky.it, Sky TG24, 31 agosto 2021. URL consultato il 1º settembre 2021.
  6. ^ Matteo Marescalco, Johnny Depp: "Hollywood sta cercando di boicottare me e il mio nuovo film", su Movieplayer.it, 15 agosto 2021. URL consultato il 4 dicembre 2021.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]