Il capitale nel XXI secolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il capitale nel XXI secolo
Titolo originale Le Capital au XXIe siècle
Autore Thomas Piketty
1ª ed. originale 2013
Genere Saggio
Sottogenere Politica
Lingua originale francese

Il capitale nel XXI secolo è un libro di economia politica, scritto da Thomas Piketty e pubblicato in Francia dalle Éditions du Seuil nel 2013.

Contenuti[modifica | modifica wikitesto]

Il libro mostra come l'evoluzione della disuguaglianza dei redditi, della ricchezza, e del rapporto capitale sul reddito, nei paesi sviluppati, segue una curva a forma di U e come i livelli di disuguaglianza raggiunti all'inizio del XXI secolo siano simili a quelli della Belle Époque.

Questi risultati mettono in discussione la curva di Kuznets, formulata nel 1950 da Simon Kuznets, che sottende l'ipotesi secondo cui lo sviluppo economico sarebbe accompagnato, in modo meccanico, da un calo nella disparità di reddito. Secondo Thomas Piketty, al contrario, il capitalismo è caratterizzato da potenti forze intrinseche di divergenza, basate sulla disuguaglianza r > g (rendimento sul capitale > tasso di crescita economica). L'idea è che, in una società che cresce poco, la ricchezza passata acquisisce una crescente importanza e tende naturalmente all'accumulo nelle mani di pochi. La prima metà del '900 fu un'eccezione storica, nella quale per la prima volta nella storia del capitalismo la disuguaglianza fu invertita in r < g. Di conseguenza, le ricchezze accumulate negli anni precedenti perdevano importanza molto velocemente mano a mano che l'industrializzazione aumentava vertiginosamente la produttività e quindi l'ammontare di nuove ricchezze prodotte. Piketty suggerisce diverse misure politiche per limitare l'aumento della disuguaglianza tra cui, in particolare, la creazione di una tassa globale sul capitale fortemente progressiva, accompagnata da una maggiore trasparenza finanziaria mondiale.

Ricezione[modifica | modifica wikitesto]

L'opera ha ottenuto grande successo di vendita, dapprima in Francia, poi soprattutto negli Stati Uniti dove, in poche settimane, è divenuto un bestseller. Ha ricevuto un'accoglienza critica favorevole[1], soprattutto dopo la sua traduzione in inglese pubblicata nel 2014[2].

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità BNF: (FRcb43712642c (data)